CONFCOMMERCIO online
lunedì 21 novembre 2016

I CONTROLLI A DISTANZA: VIDEOSORVEGLIANZA E G.P.S.

Ad un anno di distanza dall'introduzione delle nuove regole facciamo il punto sul tema del controllo a distanza dei lavoratori.

Ad un anno di distanza dall’introduzione delle nuove regole (art. 23 del D.L.vo n. 151/2015), che hanno profondamente cambiato una norma di quarant’anni fa, facciamo il punto sul tema del controllo a distanza dei lavoratori. Confrontiamo le due normative e analizziamo le differenze

Testo in vigore art. 23 del D.L.vo n. 151/2015

Art. 4 - Impianti audiovisivi

1. Gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale e possono essere installati previo accordo collettivo stipulato dalla rappresentanza sindacale unitaria o dalle rappresentanze sindacali aziendali. In alternativa, nel caso di imprese con unità produttive ubicate in diverse province della stessa regione ovvero in più regioni, tale accordo può essere stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. In mancanza di accordo gli impianti e gli strumenti di cui al periodo precedente possono essere installati previa autorizzazione della Direzione territoriale del lavoro o, in alternativa, nel caso di imprese con unità produttive dislocate negli ambiti di competenza di più Direzioni territoriali del lavoro, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

2. La disposizione di cui al comma 1 non si applica agli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa e agli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze.

3. Le informazioni raccolte ai sensi dei commi 1 e 2 sono utilizzabili a tutti i fini connessi al rapporto di lavoro a condizione che sia data al lavoratore adeguata informazione delle modalità d’uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli e nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. 1

Testo precedente art. 4 della legge n. 300/1970

Art. 4 - Impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo

1. È vietato l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori.

2. Gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l’Ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l’uso di tali impianti.

3. Per gli impianti e le apparecchiature esistenti, che rispondano alle caratteristiche di cui al secondo comma del presente articolo, in mancanza di accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o con la commissione interna, l’Ispettorato del lavoro provvede entro un anno dall’entrata in vigore della presente legge, dettando all’occorrenza le prescrizioni per l’adeguamento e le modalità di uso degli impianti suddetti.

4. Contro i provvedimenti dell’Ispettorato del lavoro, di cui ai precedenti secondo e terzo comma, il datore di lavoro, le rappresentanze sindacali aziendali o, in mancanza di queste, la commissione interna, oppure i sindacati dei lavoratori di cui al successivo art. 19 possono ricorrere, entro 30 giorni dalla comunicazione del provvedimento, al Ministro per il lavoro e la previdenza sociale.

 

Si nota che il divieto assoluto contenuto nel primo comma del vecchio testo (“È vietato l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori.”), viene  sostituito da un permesso, sia pur  condizionato (“Gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente…”).

 Il nuovo testo prevede poi un doppio regime: il primo riguarda gli “impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori” (comma 1),  il secondo è invece rivolto agli “strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa e agli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze”.

Per i primi rimane l’obbligo della autorizzazione preventiva (da ottenersi in accordo con le Rappresentanze sindacali aziendali ovvero, in assenza, da richiedere alla Direzione Territoriale del Lavoro) mentre per i secondi il datore di lavoro non necessita di autorizzazione alcuna, dovendosi limitare ad informare i lavoratori.

Va evidenziato che una volta ottemperati correttamente questi obblighi, le informazioni acquisite mediante il controllo sugli strumenti impiegati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa dovrebbero essere utilizzabili anche per altri scopi connessi al rapporto di lavoro e quindi anche a quelli disciplinari.

 

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
SONDAGGIO
-->
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?