CONFCOMMERCIO online
martedì 09 gennaio 2018

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO LAVORATORI DISABILI

Dal gennaio 2018 i datori di lavoro che occupano da 15 a 35 dipendenti sono tenuti ad avere alle loro dipendenze un lavoratore disabile

La legge impone ai datori di lavoro che occupano almeno 15 dipendenti di assumere un numero di soggetti  disabili variabile (così detta quota di riserva) in funzione del numero di lavoratori che risultano in forza in azienda.

In particolare, il numero delle assunzioni obbligatorie è il seguente:

Lavoratori computabili                                   Assunzioni obbligatorie

da 15 a 35                                                              1

da 36 a 50                                                              2

oltre 50                                                      7% dei lavoratori occupati

Con specifico riferimento alle aziende che occupano da 15 a 35 dipendenti, fino al 31 dicembre 2017 trova applicazione un particolare regime di favore, in base al quale l’obbligo di assunzione del disabile insorge solo in caso di una nuova assunzione, intendendo per tale quella che risulta “aggiuntiva rispetto al numero dei dipendenti in servizio” e che, pertanto, realizza un effettivo incremento dell’organico aziendale.

Pertanto, ad esempio, se un’azienda occupa 15 dipendenti computabili, l’obbligo di assumere un disabile sorge soltanto al momento in cui si procede all’assunzione del 16° dipendente computabile.

LA NOVITÀ

Le cose sono cambiate da gennaio 2018: a seguito delle modifiche apportate alla Legge n. 68/1999 dall’art. 3 del D.Lgs n. 151/2015, l’insorgenza dell’obbligo di assunzione di lavoratori disabili non è più subordinata, per i tali datori di lavoro (vale a dire coloro che occupano da 15 a 35 dipendenti), all’effettuazione di una “nuova assunzione”.

Ne consegue che l’obbligo di assunzione di lavoratori disabili sorgerà contestualmente al raggiungimento del limite di 15 lavoratori computabili.

Esempio: se un’azienda occupa 14 dipendenti computabili, l’obbligo di assumere un disabile sorge al momento in cui si procede all’assunzione del 15° dipendente computabile e non più dal 16° come in precedenza .

Pertanto, con l’entrata in vigore delle nuove disposizioni, le aziende che rispondono a tale requisito dimensionale avranno sessanta giorni di tempo per adempiere agli obblighi previsti dalla legge.

Si ricorda che, con il decreto legislativo 24 settembre 2016, n. 185, sono state inasprite le sanzioni per la mancata assunzione dei lavoratori disabili, passando da 62,77 euro a 153,20 euro per ogni giorno lavorativo di ritardo nell’adempimento.

Infine, si evidenzia che la violazione è soggetta alla procedura di diffida (articolo 13, decreto legislativo 23 aprile 2004, n. 124) a condizione che il datore di lavoro, oltre alla presentazione del prospetto informativo, sottoscriva il contratto di assunzione con il soggetto disabile.

Per ogni ulteriore informazione o chiarimento è a disposizione l’Ufficio Sindacale di Confcommercio Vicenza (tel. 0444 964300).



Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?