CONFCOMMERCIO online
mercoledì 23 maggio 2018

E-FATTURA SALTA IL “DOPPIO BINARIO” PER LA SCHEDA CARBURANTI

L’emendamento che doveva introdurre una gradualità nell’entrata in vigore della norma è stato giudicato inammissibile. Ora la parola passa al nuovo Governo

Nulla di fatto per il “doppio binario” nell’e-fattura ed ora la questione passa al nuovo Governo. L’emendamento che doveva permettere un debutto “più soft” per gli acquisti di carburanti, per i quali a partire dal 1° luglio è previsto l’obbligo della fatturazione elettronica, non ha superato lo scoglio del Senato. La “correzione” alla norma in vigore doveva essere inserita all’interno del Dl Alitalia, ma l’operazione è stata bocciata perché dichiarata inammissibile “per estraneità della materia”. 

Una “doccia fredda” per il settore della distribuzione di carburanti, considerato che si dava per molto probabile l’approvazione dell’emendamento in quanto “bipartisan” e concordato con il Governo uscente. Ora se ne riparlerà dopo l’insediamento del nuovo Esecutivo. Ricordiamo che la bozza dell’emendamento prevedeva la possibilità di mantenere, per chi lo avesse voluto, l’utilizzo della scheda carburanti fino al 31 dicembre 2018, senza incorrere in sanzioni. Ovviamente, professionisti e imprese potevano utilizzare il nuovo sistema di fatturazione elettronica. Se non interverranno novità dunque, l’e-fattura entrerà in vigore come unico sistema ammesso dal 1° luglio per i gestori di impianti di distribuzione di carburanti e gli utenti abituati ad utilizzare la scheda carburanti, anche se in un incontro tecnico in Confcommercio l’Agenzia delle Entrate ha avanzato l’ipotesi di una probabile non applicazione delle relative sanzioni fintantoché le nuove modalità non andranno a regime.


Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?