CONFCOMMERCIO online
martedì 04 marzo 2003

VICENZAGRI: IN 9000 PER LA FIERA DELL’AGRICOLTURA

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Le presenze confermano il successo della “due giorni” dedicata alla tecnologia per il settore primario e per il garden

Oltre novemila, tra sabato e domenica, le persone che hanno affollato gli stand espositivi di Vicenzagri, la grande fiera per l’agricoltura organizzata al Foro Boario di Vicenza dall’Associazione provinciale macchine e attrezzi agricoli e boschivi - Confcommercio, grazie anche al contributo della Banca Popolare di Vicenza e della Camera di Commercio. La rassegna ha confermato così la validità di proporre annualmente in città, in un unico grande appuntamento, il meglio di quanto offre il settore macchine e attrezzature per l’agricoltura e il giardinaggio e, perché no, un’opportunità di svago e di conoscenza per tutti gli appassionati del verde che vogliono saperne di più.
La manifestazione ha preso il via sabato 1 marzo con il discorso inaugurale del consigliere regionale Gaetano Fontana, alla presenza dell’assessore provinciale Dino Secco, del Vicepresidente della Confcommercio di Vicenza Rino Filippin del direttore Andrea Gallo, del presidente della Coldiretti provinciale Diego Meggiolaro e del presidente dell’Associazione provinciale macchine e attrezzi agricoli Riccardo Zambon. E’ poi proseguita con il convegno organizzato dall’Apima sulle agevolazioni riservate alle aziende agromeccaniche e, quindi, con la grande esposizione di macchinari e attrezzi da parte delle 62 aziende partecipanti. Il tutto su di una superficie di 18 mila metri quadri, di cui 2 mila dedicati al garden.
VicenzAgri, giunta quest’anno alla sesta edizione, si propone da sempre anche come punto di incontro per gli operatori del settore, in particolare per commercianti, agricoltori e contoterzisti: “L’esigenza sentita da tutti i rivenditori della provincia di risparmiare tempo e risorse per concentrarle in una sola grande esposizione – spiega Riccardo Zambon, presidente dell’Associazione che organizza la rassegna - è stata il motivo che ci ha portato a creare VicenzAgri. E anche quest’anno i numeri conclusivi della rassegna ci danno la conferma che la scelta è stata quella giusta, visto che gli operatori hanno mostrato di gradire questo appuntamento che offre una valida vetrina di quanto c’è di meglio sul mercato delle meccanizzazione agricole. La richiesta è sempre di più orientata verso macchine ad alta tecnologia e la fiera, anche da questo punto di vista, ha saputo proporre le ultime novità. Grande interesse ha poi riscosso lo spazio dedicato alle macchine per il giardino che ha richiamato un gran numero di professionisti e appassionati”.
“In un momento in cui il settore delle macchine agricole – continua Zambon –
sta attraversando un momento di stasi, anche le fiere ben organizzate possono dare un’iniezione di fiducia al comparto. E in tal senso, il bilancio di VicenzAgri è per noi organizzatori positivo, tant’è vero che già si pensa ad ampliare la fiera, prolungandola dagli attuali due giorni a quattro, facendo entrare nell’esposizione non solo il settore meccanico, ma anche i prodotti delle terra”.



Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico