CONFCOMMERCIO online
lunedì 19 agosto 2002

CONTRIBUTI PER LE CERTIFICAZIONI DI QUALITA’

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
La Confcommercio della provincia di Vicenza rende noto che la Giunta della Regione Veneto, in data 26 luglio scorso, ha deliberato l’erogazione di contributi per servizi di certificazione di qualità presso organismi accreditati (il provvedimento sarà pubblicato nel B.U.R. del 16 agosto p.v.).
Possono beneficiare ai contributi le piccole e medie imprese aventi sede legale nel Veneto, operanti nei settori del commercio, del turismo e dei servizi.
Sono ammissibili a contributo le spese sostenute dal 1 gennaio 2002 fino al 30 giugno 2003 (e completamente rendicontate entro il 31 dicembre 2003), esclusivamente per l’ottenimento della prima certificazione di qualità aziendale UNI EN ISO serie 90000/94 (o UNI EN ISO serie 9000/2000, cosiddette VISION 2000) e UNI CEI EN 45000 presso organismi certificatori accreditati sulla base delle normative comunitarie e nazionali. Le spese ammissibili saranno solo quelle attestate dalle fatture emesse dall’ente certificatore e non saranno comunque ammesse le spese relative ad attività successive alla data di certificazione. A progetto concluso il contributo sarà liquidato in un’unica soluzione nella misura massima del 50% del costo totale del servizio, IVA esclusa, fino ad un tetto massimo di € 10.329,14 per ciascuna impresa richiedente.
I soggetti interessati devono inviare apposita domanda (redatta secondo il modello predisposto dagli uffici regionali) dal 9 al 20 settembre 2002 esclusivamente tramite Raccomandata A/R ad uno dei Centri di validazione (farà fede il timbro dell’Ufficio postale accettante). Si ricorda che presso la sede della Confcommercio di Vicenza è operante Ter Qualità, centro di validazione riconosciuto dalla Regione per la verifica e l’inoltro della documentazione. Copia in carta semplice della domanda dovrà essere inoltrata per conoscenza alla Regione Veneto – Giunta Regionale – Direzione Commercio – Cannaregio 2268 – Venezia.
Si precisa che ad ogni domanda sarà attribuito un punteggio secondo vari criteri di priorità: contributi diversamente ottenuti, settore di attività, ordine cronologico di presentazione della domanda.
La Regione Veneto si riserva la facoltà di eseguire controlli, anche a campione, per accertare la veridicità delle dichiarazioni presentate sia all’atto della domanda di contributo che nella fase successiva.
Presso le sedi della Confcommercio provinciale e di Ter Qualità (tel. 0444/964300) è possibile ottenere ogni ulteriore informazione in merito al bando e il modello per la presentazione della domanda.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico