CONFCOMMERCIO online
martedì 24 aprile 2001

BOMBA DAY: DALLA CONFCOMMERCIO LE REGOLE BASE PER COMMERCIANTI ED IMPRESE TURISTICHE

fonte: Ufficio Stampa - Ascom Vicenza
Lo sgombero di domenica 29 aprile comporterà più di qualche problema anche per le imprese commerciali e turistiche di Vicenza. La giornata, pur non essendo una di quelle previste dal Comune per la deroga alla chiusura domenicale dei negozi (la prossima data è il 6 maggio), vedeva comunque molte attività pienamente operative, con i conseguenti disagi.
Per questo motivo la Confcommercio si è attivata presso l’Amministrazione comunale e gli altri Organi preposti al fine di raccogliere in un “vademecum” le principali attenzioni che devono essere seguite dalle imprese, riprendendo ed integrando le istruzioni già rese note dal Comune con le necessità delle imprese.
Gli uffici della Confcommercio sono a disposizione per eventuali specifiche richieste di informazioni da parte degli Associati (tel. 0444/964300).

IMPRESE UBICATE OLTRE I 3.000 METRI
1) I pubblici esercizi (bar, ristoranti, ….) possono derogare dal turno di chiusura, se previsto per il 29.04.01.

IMPRESE UBICATE ENTRO I 3.000 METRI
1) Gli esercizi commerciali (edicole comprese), i pubblici esercizi ed i distributori di carburante devono osservare l’obbligo di chiusura per tutta la giornata del 29.04.01, anche nel periodo antecedente l’inizio dello sgombero.
2) I soli pubblici esercizi, obbligati alla chiusura, potranno riprendere l’attività dalle ore 21,00 e comunque non prima del termine ufficiale delle operazioni di disinnesco; tali esercizi potranno inoltre derogare al turno di chiusura previsto durante la settimana dal 30 aprile al 5 maggio 2001.
3) Porre in sicurezza gli impianti, con particolare attenzione alla presenza di liquidi e/o gas infiammabili, sostanze tossiche o esplosive.
4) Effettuare una copia di sicurezza dei dati contenuti nei sistemi informatici.
5) Oltre la fascia dei 500 metri (vedi sezione relativa) è opportuno staccare la corrente elettrica dagli apparecchi non indispensabili e spegnere tutte le luci senza far scattare l’interruttore generale dell’energia elettrica.
6) Chiudere il rubinetto centrale del gas e/o i singoli rubinetti dei vari apparecchi quali piani di cottura, caldaie, scaldabagno a gas…





7) Proteggere e/o imballare merci particolarmente fragili.
8) Comunicare alla clientela gli orari e le modalità di svolgimento delle varie fasi dello sgombero e del successivo rientro, in particolare evidenziare la situazione dei mezzi di trasporto.
9) Comunicare alla clientela l’ubicazione dei due Centri di pronto intervento sanitario (Fiera di Vicenza ed Ospedale di Sandrigo).
10) Evidenziare quanto prima alle Autorità preposte all’ordine pubblico eventuali problemi di sicurezza e/o mancanza di collaborazione da parte degli ospiti degli alberghi.

ULTERIORI INFORMAZIONI PER LE IMPRESE UBICATE ENTRO I 1.500 METRI
1) Lasciare aperte le finestre e le porte vetrate lasciando però chiuse serrande, balconi, scuri e tapparelle.
2) Nell’impossibilità di tenere aperte le finestre, le porte vetrate o le vetrine procedere alla loro nastratura (nastro da pacchi) per evitare la dispersione di frammenti di vetro.
3) Non lasciare automezzi parcheggiati sulla pubblica via.


ULTERIORI INFORMAZIONI PER LE IMPRESE UBICATE ENTRO I 500 METRI (ZONA SENZA ENERGIA ELETTRICA)
1) Per la migliore conservazione degli alimenti
a. evitare di fare scorte di prodotti congelati o surgelati, in particolare carni, pesce e molluschi;
b. vuotare completamente i frigoriferi dagli alimenti deperibili e per quanto possibile anche i congelatori;
c. trasferire possibilmente gli alimenti confezionati in congelatori posti al di fuori della zona interessata alla sospensione dell'energia elettrica con l'avvertenza di effettuare il trasferimento nel più breve tempo possibile e utilizzando attrezzature atte a mantenere il freddo (es. contenitori coibentati "da pic-nic" con piastre ghiacciate preventivamente);
d. abbassare il più possibile la temperatura dei congelatori nel periodo precedente la sospensione della energia elettrica e dotarli di un termometro per la misurazione della temperatura:
e. se la temperatura si mantiene inferiore a -15°C il prodotto può essere conservato nel congelatore;
f. se la temperatura sale sopra ai -15°C ma il prodotto rimane allo stato congelato, si consiglia di consumare il prodotto entro breve tempo, se invece presenta segni di scongelamento va trasferito in frigorifero e consumato al più presto, al massimo entro tre giorni se conservato nello scomparto del ghiaccio.
2) Controllare e segnalare opportunamente le modalità di esecuzione di operazioni normalmente automatizzate quali lo sblocco della frizione in cancelli automatici, il riporto al piano degli ascensori oppure lo sblocco di serrande a motore.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico