CONFCOMMERCIO online
giovedì 22 gennaio 2004

IL FUTURO DELL’AREA BARCARO-ZACCARIA E LE PREOCCUPAZIONI DEI COMMERCIANTI

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
La futura destinazione dell’area Barcaro Zaccaria a Cà Balbi e i possibili nuovi insediamenti commerciali preoccupano gli operatori della zona. E in un incontro con l’assessore all’urbanistica Maurizio Franzina svoltosi negli uffici del referato comunale di piazza Biade gli esponenti della terza sezione territoriale dell’Ascom hanno espresso i loro timori propri timori in merito a un progetto che, a loro avviso, potrebbe cambiare il volto commerciale di una zona ad alta densità demografica e viabilistica.
L’incontro sollecitato dalla stessa Ascom – da una parte Franzina e il dirigente del dipartimento urbanistica Franco Zanella, e dall’altra il presidente della sezione Michele Valentini con alcuni consiglieri - ha consentito di mettere a fuoco le varie problematiche che il progetto ideato per le ex aree Barcaro-Zaccaria, verrebbe a innestare, a cominciare dall’impatto del possibile nuovo intervento urbanistico sul fronte sia della circolazione e del traffico e sia dell’attuale assetto commerciale dell’area.
Malgrado sia ancora a livello di bozza (per cui, dopo i necessari pareri, si dovrà passare in Consiglio comunale per l’approvazione), il progetto, nell’attuale previsione, comporterebbe, infatti, una superficie commerciale di 2 mila 200 metri quadrati circa, distribuita su 5 edifici alti 25 metri, oltre a spazi ad uso direzionale per 5 mila metri quadrati che, però, la proprietà potrebbe far diventare anch’essi ugualmente commerciali.
Ma a provocare dubbi e perplessità sono anche le prospettive legate alla viabilità, dato che l’accesso al quartiere della Stanga per chi proviene da Cà Balbi e da Bertesinella sarebbe piuttosto disagevole, anzi complicato e pericoloso. Parecchie, quindi, come detto, le osservazioni dell’Ascom, che verranno sottoposte nei prossimi giorni anche all’assessore alla mobilità Claudio Cicero perché si faccia un esame approfondito della situazione e si valutino eventuali proposte di modifica prima che il progetto arrivi per il sì finale sui banchi del consiglio a palazzo Trissino.
I commercianti non resteranno, comunque, fermi. Valentini ha annunciato l’intenzione di convocare in tempi brevi un’assemblea di tutti gli operatori della terza sezione dell’Ascom, in cui discutere congiuntamente la questione e approfondire le conseguenze di ordine commerciale e viabilistico che verrebbero prodotte da questa operazione non poco invasiva sul perimetro est della città.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico