CONFCOMMERCIO online
lunedì 26 luglio 2004

PER I SOCI ASCOM RISPARMIO GARANTITO SUL GAS METANO FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON LA BANCA POPOLARE VICENTINA

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Come l’energia elettrica anche il gas ha ormai imboccato la via della liberalizzazione. Dal 1°gennaio 2003 tutti i consumatori, famiglie, condomini, aziende e servizi, hanno facoltà di scegliere se mantenere o cambiare il proprio abituale fornitore metano in base alle proposte più convenienti o più adatte alle proprie esigenze. Per il resto tutto è rimasto invariato. Non è necessario, infatti, cambiare niente: né impianti, né tubature, né allacciamenti. L’unica cosa modificata è, appunto, che il rapporto con il fornitore è ora un vero e proprio rapporto commerciale e al cliente, come tale, spetta il compito di capire quale venditore di gas, accreditato dal Ministero delle Attività Produttive, offre le condizioni migliori. Ma per cogliere davvero i vantaggi del mercato libero, occorre scegliere un fornitore solido e affidabile che, alla fornitura di gas, sappia unire servizi mirati e competenza tecnica oltre che esperienza e serietà. A tal fine, sulla scia di quanto già proposto per l’approvvigionamento dell’energia elettrica, l’Ascom di Vicenza ha provveduto a firmare con la società AIM Vendite Srl, azienda vicentina di proprietà di AIM Vicenza spa che si occupa della vendita del gas metano, una particolare convenzione che, oltre all’applicazione di tariffe vantaggiose sulla fornitura, dà ai soci il diritto di fruire di uno speciale “bonus Ascom”. In pratica, un risparmio sicuro, da calcolarsi in base ai consumi aziendali, e garantito per tutta la durata della convenzione. Esso aumenta al crescere dei consumi e varia da un minimo di 0,61 centesimi di euro a un massimo di 1,55 centesimi di euro per metro cubo di consumo. L’offerta vale per tutte le aziende associate Confcommercio dei comuni di Vicenza, Albettone, Arcugnano, Altavilla Vicentina, Bolzano Vicentino, Bressanvido, Longare, Montegalda, Monticello Conte Otto, Pozzoleone, Quinto Vicentino e Torri di Quartesolo, vale a dire nei comuni in cui la AIM Vicenza distribuisce gas metano. Ma la convenzione offre la possibilità anche agli operatori dei Comuni in cui l’Azienda non è al momento presente.
L’accordo getta inoltre le basi per una collaborazione anche sulla fornitura di energia elettrica alle aziende associate.
“La scelta di AIM quale partner per la fornitura di gas metano - spiega il presidente della Confcommercio di Vicenza, Sergio Rebecca - è dovuta non solo all’affidabilità










ed esperienza dell’azienda vicentina quanto al fatto che moltissime nostre imprese potranno continuare a rifornirsi da AIM, come fanno da tempo, usufruendo però di uno speciale sconto. Si tratta, quindi, di un vantaggio in più che possiamo in tal modo offrire alle aziende associate, senza che queste debbano fare alcunché, se non rivolgersi all’associazione per aderire alla convenzione”.
“La nostra proposta alle imprese Confcommercio – dice Alessandro Moscatelli, presidente di AIM Vendite srl – si inserisce nell’offerta complessiva di fornitura di metano mirata a fidelizzare il rapporto colla propria clientela, soprattutto dopo la liberalizzazione del mercato del gas. Rispetto alle condizioni già applicate ai nostri clienti e alle offerte in corso, come ad esempio la “50per mille”, agli associati Ascom- Confcommercio verrà aggiunto questo speciale bonus. Inoltre, per le imprese che registrano consumi superiori a determinate soglie, ci impegniamo a studiare altre offerte ad hoc, sulla base della profilatura del cliente. Il risparmio che ne deriva è di sicuro interesse per tutte le imprese che vorranno aderire alla nostra proposta”.
Alla convenzione si può aderire contattando gli uffici provinciali dell’Ascom di Vicenza: per le imprese che aderiranno entro il prossimo 30 settembre, le agevolazioni avranno efficacia dal 1 luglio 2004. Le adesioni successive produrranno effetto a decorrere dal primo mese utile di fornitura successivo all’adesione stessa. Il “bonus Ascom” verrà, invece, accreditato annualmente, sulla prima fattura successiva alla chiusura dell’anno termico (1 luglio- 30giugno) sulla base degli effettivi metri cubi consumati da ogni singolo cliente nel periodo di riferimento.


Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico