CONFCOMMERCIO online
lunedì 13 settembre 2004

La Regione Veneto lancia il Progetto Qualima per le aree rurali delle Alpi

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
La Regione del Veneto ha promosso il progetto “Qualima” Quality of life improvement by supporting public and private services in the rural areas of the Alps – Miglioramento della qualità della vita attraverso il sostegno dei servizi pubblici e privati nelle aree rurali delle Alpi).
Con ciò ha inteso contrastare e ridurre i fenomeni di marginalizzazione e di spopolamento che caratterizzano le aree rurali alpine.
Il progetto si inserisce nel programma comunitario Interreg IIIB “Spazio Alpino”, che vede la collaborazione di altre aree alpine impegnate ad affrontare gli stessi problemi. Qualima coinvolge, infatti, 11 partners dell’arco alpino internazionale, alcuni operanti in Stati membri dell’UE e altri in Stati non membri.
Per la Regione Veneto sono interessati i comuni montani delle provincie di Belluno, Verona, Vicenza.
La presentazione del progetto avverrà il 15 settembre 2004 presso la Sala Borsa Merci della Camera di Commercio di Vicenza, in via Montello, 33 a Thiene, dalle ore 15.00 alle ore17.00.
L’incontro sarà presieduto dall’Assessore alle Politiche dell’occupazione, della formazione, dell’organizzazione e delle autonomie locali Raffaele Grazia.
Il progetto si pone l’obiettivo di garantire alle popolazioni delle aree rurali alpine un soddisfacente livello quantitativo e qualitativo di merci e di servizi privati e pubblici, per contrastare il processo di marginalizzazione e di spopolamento, attualmente in atto.
Qualima persegue anche “uno sviluppo armonico e bilanciato dello spazio alpino” puntando sulla riqualificazione del commercio locale che viene considerato strumento utile a ridurre il fenomeno dello spopolamento.

./.


Grazie anche al finanziamento della UE, la Regione Veneto promuove l’innovazione delle aziende commerciali interessate a trasformarsi in “centri polifunzionali”.
Per diventare centro polifunzionale l’esercizio commerciale, o il pubblico esercizio, è chiamato a:
 allargare e/o riqualificare la propria gamma merceologica;
 introdurre servizi nuovi (per le imprese commerciali, la somministrazione; per le imprese di somministrazione, una gamma merceologica che comprenda i generi alimentari);
 inserire inoltre servizi pubblici in concessione (postali, bancari, socio-sanitari) e servizi privati in convenzione (forniture all’ingrosso, e-commerce, altro);
 decidere, con rischio imprenditoriale, come diversificare o riqualificare la propria impresa, scegliendo la combinazione più conveniente tra quelle proposte da personale esperto.
Allo scopo, le imprese interessate, potranno beneficiare di contributi pubblici da investire nell’adattamento degli edifici che ospitano l’impresa e negli equipaggiamenti delle strutture. Il sostegno finanziario della Regione Veneto potrà raggiungere il 70% delle somme ammissibili nell’ambito del progetto e nel rispetto delle regole del “de minimis” ammissibili. Un sostegno cospicuo che deriva dalla finalità sociale del progetto: “il miglioramento della qualità di vita dei residenti conseguente alla creazione di nuovi servizi”.
La Regione Veneto emanerà a breve un bando di gara che consentirà di identificare la aziende interessate a sperimentare i contenuti di Qualima.
Queste dovranno disporre dei seguenti requisiti:
 essere operative in Comuni montani;
 essere operative in comuni o frazioni o aree con popolazione non superiore a 3.000 (tremila) abitanti;
 essere aziende di piccole dimensioni, con una superficie di vendita non superiore a mq. 150;
 essere l’unica impresa operante nel territorio;
 essere interessate ad allargare la gamma dei beni e servizi pubblici e privati offerti alla clientela;
 essere in grado di investire mezzi propri in funzione dell’innovazione gestionale ed organizzativa;
 essere determinate nel perseguire la redditività dell’attività imprenditoriale;
 impegnarsi a partecipare ad iniziative di formazione/aggiornamento imprenditoriale e professionale.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico