CONFCOMMERCIO online
mercoledì 26 gennaio 2005

LOCANDINE, VOLANTINI, FAX E RAPPRESENTANTI DI ARTIGIANI E COMMERCIANTI IN COMUNE

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Confcommercio e Confartigianato di Vicenza hanno distribuito oggi a tutti i negozianti e artigiani della zona interessata al previsto blocco totale del traffico, in tutto oltre 2000 imprese, la locandina e i volantini con i quali manifestare il dissenso sia nei confronti dell’ordinanza in questione, sia contro l’atteggiamento di totale indifferenza dell’Amministrazione alle loro rimostranze.
La decisione di fermare per una settimana intera il traffico veicolare in mezza città è stata infatti – secondo entrambe le Associazioni - presa dal sindaco Hullweck in modo estemporaneo ed improvvisato, senza interpellare preventivamente le organizzazioni di categoria e senza tenere minimamente in considerazione le ripercussioni negative sull’attività di chi, per lavoro, deve muoversi o poter ricevere clienti in negozio.
Da qui la protesta che, come detto, oltre a manifesti e volantini sparsi in tutta la città, si attuerà in altri modi. Innanzitutto, oggi alle 17.15, una delegazione di operatori si recherà a Palazzo Trissino per presenziare al Consiglio Comunale e per far presente le motivazioni del disaccordo e le richieste di modifica del provvedimento, ragioni che l’Amministrazione, finora, non ha voluto nemmeno ascoltare. Nell’occasione, a riguardo, sarà consegnato un documento al presidente del Consiglio comunale, Sante Sarracco.
Poi, alle ore 20.30, in occasione dell’incontro in Fiera sul Logistic city center,
commercianti e artigiani continueranno il volantinaggio.
Anche i fax del Comune saranno nel frattempo coinvolti nella contestazione: le due associazioni hanno, infatti, già fatto recapitare a tutti gli associati una lettera di protesta, stilata congiuntamente, con l’invito di inviarla con la massima urgenza al sindaco Hullweck.
Infine, Confcommercio e Confartigianato di Vicenza hanno già predisposto il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale per ottenere la revoca giudiziale dell’ordinanza.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico