CONFCOMMERCIO online
mercoledì 02 febbraio 2005

RIDUZIONE DEL BLOCCO DEL TRAFFICO IN CITTA’: COMMERCIANTI E ARTIGIANI SODDISFATTI A META’

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
“Soddisfatti a metà” è il commento di commercianti ed artigiani al parziale dietro-front del sindaco Hullweck che ha deciso di rivedere l’ordinanza sul blocco del traffico per un’intera settimana, riducendo a quattro le giornate nelle quali sarà interdetta la circolazione in centro città ai mezzi di trasporto privati.
“Tale correttivo – dichiara Luciano Pozzan, presidente della Delegazione Confcommercio di Vicenza, che con la presidente comunale della Confartigianato di Vicenza, Fiorella Bertoldo, ha seguito e coordinato la protesta delle due categorie - è stato deciso solamente dopo la grande mobilitazione intrapresa da Confcommercio e Confartigianato, ma accontenta solamente in parte gli operatori economici. Il blocco resisterà comunque venerdì, sabato e lunedì, il che significa inevitabilmente che per tre giornate, di cui due giorni del fine settimana solitamente maggiormente dedicati allo shopping, negozianti e artigiani saranno costretti a fare i conti con un’attività ridotta, con i conseguenti riscontri negativi sugli incassi. Siamo soddisfatti che siano state almeno in parte accolte le nostre richieste, come le agevolazioni sul costo del servizio di trasporto pubblico e il centrobus gratuito dai parcheggi di interscambio”.
“In sostanza – dichiara a sua volta la presidente Fiorella Bertoldo - nonostante debba essere riconosciuto il tentativo dell’Amministrazione di coniugare gli interessi legittimi delle imprese con gli obiettivi di sostenibilità e di vivibilità del territorio comunale è opportuno ribadire che sperimentazioni come quella inizialmente prospettata dall’Amministrazione portano come uniche certezze sconcerto e preoccupazione nella pianificazione e nella gestione dell’attività delle imprese, dal momento che le questioni da affrontare quando si parla di tutela dell’ambiente e della salute sono ben più complesse ed impegnative”.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico