CONFCOMMERCIO online
venerdì 10 febbraio 2006

Rollata al radicchio, il piatto di febbraio de “Le Macellerie del Gusto”

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Un piatto allegro e colorato, decisamente adatto ad affrontare le tavole di Carnevale dei vicentini, che desiderano offrire alle proprie famiglie un prodotto di macelleria di grande qualità, ma senza nulla togliere all’aspetto, che deve sempre essere accattivante ed invitante al tempo stesso.
Naturalmente, come per gli altri preparati proposti nei mesi scorsi, la caratteristica della “Rollata al radicchio”, l’arrosto di Carnevale, sarà la semplicità e la rapidità di preparazione. Per provare questo piatto basterà recarsi, in tutti i weekend di febbraio, in una delle 29 “Macellerie del Gusto”, ossia in uno dei punti vendita specializzati in carne e preparati a base di carni, che formano il gruppo omonimo aderente alla Confcommercio di Vicenza.
“È un piatto frutto della stagionalità – spiega Claudio Peron, macellaio aderente a “Le Macellerie del Gusto” e ideatore della ricetta – ed è stato scelto proprio per esaltare il momento d’oro del radicchio, che si sposa in maniera sublime con il maiale. Si tratta di un piatto che difficilmente si prepara in casa, ma giovani ed anziani, così com’è avvenuto per gli altri preparati proposti, ne approfitteranno sicuramente, per portare in tavola i sapori di una volta, con una nota di brio e con un’attenzione prioritaria alla qualità degli ingredienti ed alla genuinità, che rendono questi piatti adatti a tutti”.
“La Rollata al radicchio” è il primo dei preparati proposti che non necessita di cottura in forno ed è realizzato con lombo di maiale, guanciale affumicato, sale, pepe, radicchio rosso e lardo fresco di maiale. “La preparazione è estremamente semplice. È sufficiente – aggiunte Claudio Peron – rosolare il preparato in una casseruola, per cinque minuti, in un soffritto di olio extravergine di oliva, cipolla e aglio. Aggiungere un bicchiere di vino bianco secco, coprire la casseruola, quindi cuocere per 80 minuti a fuoco moderato”.
Per gli abbinamenti c’è solo l’imbarazzo della scelta, sia per i contorni che per i vini. “Trattandosi di un arrosto – conclude Claudio Peron – l’accompagnamento migliore è con le classiche patate al forno. Data la composizione del preparato è consigliato anche l’abbinamento con del radicchio saltato in padella. Quanto al vino, si consiglia di accompagnare la rollata al radicchio con un vino corposo, Cabernet o Pinot nero”.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico