CONFCOMMERCIO online
mercoledì 24 maggio 2006

GLI AGENTI IMMOBILIARI PUNTANO SULLA CASA “BIO”

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Sono sempre di più le persone che, al momento dell’acquisto di un immobile, ne valutano anche la sostenibilità ambientale. Per dire che una casa è oggi apprezzata non solo per le sue caratteristiche estetiche e per la sua posizione, ma anche per particolari accorgimenti quali l’utilizzo di materiali di costruzione bioecologici o l’attenzione al risparmio energetico. Per l’agente immobiliare diventa quindi essenziale saper valutare e proporre anche questi “surplus” qualitativi e saperli spiegare al cliente.
Nasce da qui l’iniziativa di un ciclo di corsi sulla sostenibilità in edilizia, promosso dalla Fimaa-Confcommercio provinciale (Federazione Italiana Mediatori e Agenti d’Affari) e organizzato dall’Esac (Ente Servizi Associazione Commercianti) in collaborazione con il Centro Produttività Veneto. La prima tranche prenderà il via il prossimo 5 giugno con il corso base “La sostenibilità bioecologica in edilizia”, che si terrà nella dell’Ascom di via Faccio 38 a Vicenza. In 12 ore di lezione verranno affrontati argomenti come i principi bioclimatici, la scelta del luogo e dell’area fabbricabile. Verranno illustrati poi alcuni temi di bioedilizia, come la certificazione e la sostenibilità energetica nonché le tecniche di costruzione. Infine verrà proposta una panoramica sui principali materiali bioecologici oggi in commercio ed in particolare sugli isolanti termici ed acustici e sui rivestimenti.
Come si diceva, il corso in partenza a giugno è solo il primo di una serie. Sono già in programma altri due appuntamenti formativi che si terranno nei prossimi mesi. In questo caso i temi affrontati saranno “La disciplina urbanistica innovativa” (che si occuperà degli sviluppi della sostenibilità in edilizia all’interno dei Piani di assetto territoriale e dei nuovi Piani di Intervento) e “L’efficienza energetica in Italia”, che offrirà una panoramica sulle politiche energetiche europee e nazionali, sulle tecniche innovative per il risparmio energetico e sulla fitodepurazione.
Il taglio degli incontri mira a fornire conoscenze pratiche da utilizzare operativamente nell’ambito del lavoro quotidiano del mediatore immobiliare. L’obiettivo finale è quello di saper riconoscere la qualità sostenibile dell’immobile, così da saperla adeguatamente illustrare al cliente.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico