CONFCOMMERCIO online
venerdì 02 marzo 2007

NUOVO SITO INTERNET PER ISTER, CHE PREPARA ANCHE UN’INDAGINE SUL COMMERCIO VICENTINO

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Un nuovo sito Internet ancora più completo ed aggiornato e una nuova immagine per Ister, l’Istituto per il Terziario della Confcommercio di Vicenza. Nei giorni scorsi è stato pubblicato in rete www.ister.it, la risorsa web di questo organismo tecnico-scientifico che da anni affianca pubbliche amministrazioni e aziende del terziario di mercato con l’obiettivo di garantire uno sviluppo equilibrato al settore. L’Istituto, il cui raggio di azione spazia dalla programmazione territoriale e commerciale alla realizzazione di studi e ricerche (anche di mercato), dall’attività statistica (attraverso specifici osservatori) alla certificazione di qualità per le pubbliche amministrazioni. opera su tutto il territorio veneto e solo nel Vicentino collabora con più di 70 comuni e una decina di altri enti, oltre che con un significativo numero di piccole e medie imprese del commercio, del turismo e dei servizi.
Il nuovo sito Internet, coordinato con l’immagine del nuovo depliant istituzionale, presenta i servizi dell’Istituto e si propone come una guida pratica dei servizi. Particolare risalto è riservato alla consulenza in tema di piani di sviluppo e coordinamento intercomunale e distrettuale, strumenti in grado di studiare il rilancio di un territorio, ma con un’ottica che va al di là degli stretti confini di un comune.
“Oggi i temi del commercio sono i temi del territorio: gli strumenti di programmazione commerciale sono gli strumenti di governo del territorio – spiega il presidente dell’Istituto Sergio Rebecca -. La saldatura tra le due realtà, ovvero il governo delle reciproche relazioni, richiede quindi l’avvio di una nuova fase più orientata a definire scenari futuri condivisi. E’ in questa direzione che ci stiamo muovendo, perché questa è la strada che deve percorrere il commercio per garantirsi un futuro. La questione è di far crescere la rete commerciale in relazione alla realtà urbanistica della città e dei paesi senza snaturarne gli equilibri”.


./.



L’attività conoscitiva è il primo campo di azione di Ister. E non solo come base sulla quale poter poi procedere ai vari piani di marketing o di riqualificazione del territorio. L’Istituto opera infatti anche per conto della Camera di Commercio di Vicenza, in particolare curando l’Osservatorio del Commercio provinciale. Che quest’anno registra una novità: l’Ister, attraverso interviste telefoniche a centinaia di operatori vicentini suddivisi per aree geografiche e settori merceologici, andrà a rilevare le principali problematiche e strategie delle aziende, le caratteristiche dell’offerta commerciale e le abitudini d’acquisto dei consumatori. “Ne uscirà – spiega il presidente Rebecca – uno spaccato statisticamente rilevante dello stato di salute del settore del sistema distributivo provinciale, in grado di mettere in luce fattori di rischio e opportunità di mercato. Un’analisi dunque estremamente interessante per i soggetti pubblici e gli imprenditori del settore”.
E le aziende? Considerata la forte interrelazione tra commercio, turismo e territorio, mettere al servizio delle aziende un bagaglio di conoscenze e una notevole quantità di dati risulta sicuramente vincente quando si devono studiare azioni di marketing. Chi si è rivolto ad Ister per pianificare programmi di sviluppo o addirittura per lo start-up della propria impresa ha potuto constatare l’efficacia di questa sinergia tra capacità analitiche e conoscenza del mercato. Senza contare che spesso la consulenza di Ister in questo campo può usufruire di agevolazioni pubbliche. Fino al prossimo 30 marzo, ad esempio, è attivo uno specifico bando della Camera di Commercio di Vicenza “per lo sviluppo dell’innovazione nelle imprese del terziario di mercato”, che costituisce certamente un’opportunità interessante per chi intende verificare il proprio posizionamento sul mercato o mettere in campo efficaci azioni di marketing.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico