CONFCOMMERCIO online
giovedì 27 maggio 2010

COMMENTO DEL PRESIDENTE
SERGIO REBECCA SULLA MANOVRA FINANZIARIA

"La manovra non va ad aumentare la pressione fiscale è questo è senz’altro un punto a favore. Servono, però, anche misure di sostegno allo sviluppo della nostra economia"

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
La manovra non va ad aumentare la pressione fiscale è questo è senz’altro un punto a favore; va anche nella direzione di controllare, ridurre, riqualificare la spesa pubblica che è l’unica via da seguire per recuperare risorse quando si sceglie di non aumentare le tasse. Del resto, tutta l’Europa è sotto gli effetti di una forte tempesta finanziaria che sta mettendo a rischio non solo le sorti dell’euro ma lo stesso progetto politico europeo e pertanto tale situazione impone tutto il rigore necessario per ridurre i deficit dei vari Paesi e dare così un segnale positivo ai mercati finanziari. L’Italia ha però anche l’urgenza di recuperare competitività, con vere riforme che incidano strutturalmente sulla spesa pubblica e diano credibilità alle prospettive di crescita. I consumi delle famiglie, negli ultimi dieci anni sono cresciuti in media dello 0,5% all’anno, al di sotto della media europea, segno evidente che esiste un deficit di crescita strutturale. Servono, quindi anche misure di sostegno allo sviluppo della nostra economia.
Infine, vale la pena sottolinearlo, è anche essenziale che il rigore richiesto da questa manovra finanziaria sia applicato con equità su tutto il territorio nazionale e soprattutto, non sia limitato ad un momento di “emergenza”, ma venga portato avanti con sistematicità anche per il futuro.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?