CONFCOMMERCIO online
martedì 09 novembre 2010

FIRMATO UN PROTOCOLLO D’INTESA
PER LA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO DELLA VALLATA DEL CHIAMPO
E LA SALVAGUARDIA DELLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI LOCALI
Comunicato del 9 novembre 2010

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Confcommercio e sette Comuni della Vallata del Chiampo hanno firmato oggi, nella sede della Confcommercio di Arzignano, un protocollo d’intesa per la valorizzazione del territorio e la salvaguardia delle piccole imprese commerciali locali. Tali obiettivi saranno perseguiti attraverso l’adozione di politiche coordinate in materia di commercio, mirate a garantire nella Vallata un reale equilibrio tra tutte le forme distributive (grandi strutture di vendita, media distribuzione e piccoli negozi). Per Confcommercio Vicenza erano presenti all’incontro il presidente Sergio Rebecca e il presidente del mandamentale Stefano Bruttomesso, mentre i nove comuni della Valle del Chiampo erano rappresentati dal proprio sindaco a da un suo delegato. A Hanno sottoscritto il documento tutti le parti presenti tranne i Comuni di Arzignano e Montecchio Maggiore.
Per Confcommercio, infatti, è urgente e necessario evitare, in ambito urbanistico-commerciale, interventi privi di progettualità complessiva e puntare, invece, sulla programmazione per aree sovracomunali, con l’obiettivo di armonizzare lo sviluppo delle strutture commerciali di medie e grandi dimensioni, in determinati comprensori, senza interferire con la funzione dei piccoli negozi e degli esercizi di vicinato.
L’iniziativa del Protocollo d’intesa tra i comuni della Valle del Chiampo assume grande rilievo in quanto è il primo esempio di “concertazione sovracomunale”, indirizzata a governare l’evoluzione del settore del commercio, attivata in provincia di Vicenza.
L’intesa va a concretizzare l’obiettivo di salvaguardare le funzioni commerciali e sociali strettamente connesse alla presenza sul territorio dei negozi di vicinato, soprattutto nei centri storici e nelle frazioni, obiettivo condiviso, lo scorso 11 ottobre, dai Sindaci o delegati dei comuni di Altissimo, Chiampo, Crespadoro, Montecchio Maggiore, Montorso Vicentino, Nogarole Vicentino, San Pietro Mussolino e Zermeghedo, che hanno partecipato, con il presidente del Mandamento Confcommercio di Arzignano, Stefano Bruttomesso e il funzionario Attilio Brun, alla riunione che si è svolta nella sede della Confcommercio di Arzignano.
“In questo senso Confcommercio non è e non vuole essere la lobby del ‘no’- ha dichiarato il Presidente Rebecca - : l’Associazione è consapevole che bisogna andare avanti e bisogna fare, ma avendo l’accortezza di non distruggere, assieme al territorio, anche i luoghi delle relazioni. E’ oramai sotto gli occhi di tutti che senza una politica più accorta che inverta la tendenza in atto, sempre di più i centri urbani stiano perdendo i negozi tradizionali e la popolazione residente; allo stesso tempo si perdono quei rapporti che garantiscono con la presenza di botteghe e piccoli negozi non solo servizi, ma anche un certo controllo del territorio, in termini di sicurezza. Secondo Confcommercio – ha continuato Rebecca -, l’equilibrio tra le varie forme della rete distributiva con la compresenza di grandi, medie e piccole strutture di vendita fa quindi parte dell’interesse sociale, prima ancora che economico e deve essere attentamente pianificato dal punto di vista urbanistico individuando le aree compatibili all’insediamento delle medie-grandi strutture commerciali o ricettive”.
Purtroppo, sul territorio veneto, non mancano le storture causate dall’aver favorito ed autorizzato una cementificazione selvaggia da parte della media-grande distribuzione commerciale (il Veneto vanta il primato nazionale nel rapporto tra numero di abitanti e grandi superfici di vendita) e da altri settori economici, costellando il paesaggio di capannoni e di centri commerciali direzionali. Spesso si tratta di insediamenti che sono stati progettati senza tener in minima considerazione il danno economico e di immagine causato agli adiacenti centri storici ed urbani, a volte realizzati non tanto per un’effettiva domanda di mercato ma per soddisfare interessi prettamente immobiliari.
Con il Protocollo d’Intesa che sottoscritto oggi Confcommercio e le Amministrazioni comunali firmatarie convengono non solo di condividere e, quindi perseguire, nella progettazione e nell’attuazione delle politiche di sviluppo del commercio della Vallata, le finalità dell’intesa, ma anche di istituire un “tavolo di coordinamento e concertazione dello sviluppo commerciale”, che con cadenza almeno semestrale e per i prossimi 2 anni, avrà il compito di discutere, approfondire e, ove possibile, coordinare in via preventiva ogni ipotesi pertinente alle problematiche del commercio.
Il tavolo di coordinamento e concertazione verrà convocato in via preventiva ogni qualvolta le singole Amministrazioni firmatarie intendano valutare gli assetti territoriali, o interventi urbanistici, che prevedano l’insediamento di Grandi Strutture di Vendita, così come per l’adozione di nuovi criteri, o modifiche dei criteri esistenti, relativi alle medie strutture di vendita.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?