CONFCOMMERCIO online
mercoledì 16 marzo 2011

RISCHIO ESONDAZIONI: SI FISSI
UN CALENDARIO DELLE OPERE NECESSARIE ALLA MESSA IN SICUREZZA
Sergio Rebecca, presidente della Confcommercio di Vicenza: “Si fissino tempi certi per gli interventi: un programma da rispettare con rigore, con dei responsabili individuabili in caso di inattività”
Comunicato del 18 marzo 2011

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
“La città e il suo hinterland non possono rimanere in balia degli eventi, con cittadini e commercianti che aspettano con ansia che cali l’acqua dei fiumi e non tracimi ancora una volta” – interviene così Sergio Rebecca, presidente della Confcommercio di Vicenza, chiamata, in questi giorni a dare risposte ai propri associati su quanto si sta facendo, o non si sta facendo, per fermare il rischio di altre esondazioni dei fiumi.  
“Tutte le motivazioni che ora si sentono dire per giustificare un’altra giornata di paura e di esasperazione – continua il presidente Rebecca - possono anche essere condivisibili, ma non risolvono il problema: qui, invece, come pretendono con diritto i cittadini,  è tempo di fare, di pulire i fiumi, di alzare gli argini e di dare il via ai cantieri delle grandi opere per la messa in sicurezza del territorio. Non si può più aspettare e non basta, evidentemente quello che finora è stato fatto dopo l’alluvione dello scorso novembre. Sono passati da allora più di quattro mesi e, francamente, si fa fatica dire alla gente che ha da poco finito di mettere a posto le case o il proprio negozio, ma rischia di andare sott’acqua un’altra volta - e a fronte di una giornata di pioggia nemmeno tanto violenta -, che non si fa di più perché ci sono “tempi burocratici” da rispettare.”
“L’appello, quindi, che rivolgiamo a chi ha il compito di intervenire per la messa in sicurezza del territorio, a nome dei commercianti e dei cittadini che rappresentiamo, – dice il presidente della Confcommercio di Vicenza – è di cominciare a fare le grandi opere, o quanto meno di fissare dei tempi certi, un calendario degli interventi da seguire con rigore, con dei responsabili individuabili in caso di inattività o di non rispetto dei tempi stabiliti”.
“Penso, come prima opera – prosegue il presidente Rebecca - al bacino di laminazione di Caldogno, necessario a dare sfogo al Bacchiglione. A questa, come per altri interventi, è stata data la qualifica di “somma urgenza”, ebbene: dopo quattro mesi e più, non si sa quando verrà realizzata, mentre quello che più si aspettano i cittadini è di avere delle certezze sui lavori. Quindi, chi ha il potere di intervenire, intervenga, perché è pur vero che bisogna rispettare tutto: passaggi burocratici, pareri, consensi e via dicendo, ma prima di ogni altra cosa vanno rispettati i cittadini e il loro diritto a vivere e a lavorare con serenità, senza essere costantemente in balia degli eventi”.     

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?