CONFCOMMERCIO online
lunedì 28 novembre 2011

IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE
DI VICENZA, GLI ALBERGATORI VICENTINI DICONO NO
Dopo un incontro in Confcommercio, sono state spedite al sindaco Variati le motivazioni che spiegano la contrarietà ad un simile
Comunicato del 28 novembre 2011

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO
Gli albergatori vicentini dicono “no” all’ipotesi avanzata dal Comune di Vicenza di introdurre l’imposta di soggiorno.
Ricordiamo che questo tributo fu abrogato il 1° gennaio 1989 perché ritenuto un irrazionale costo a carico delle imprese ricettive e, nel complesso, un irrilevante introito sul versante delle entrate pubbliche, tenuto conto dello squilibrio tra costi di esazione e ricavi.
Della questione “tassa di soggiorno” se ne è discusso in una riunione tra operatori del settore che si è tenuta lo scorso 21 novembre, nella sede della Confcommercio di Vicenza. Oggi (28 novembre 2011) la stessa Associazione ha inviato al sindaco Variati l’elenco delle osservazioni con le quali gli albergatori esprimono la loro contrarietà ad un simile provvedimento. A cominciare dal fatto che l’istituzione dell’imposta  nel solo capoluogo, così come prevede il decreto legislativo 23/2011, creerebbe delle notevoli disparità nel mercato turistico provinciale. L’accesa concorrenza di mercato che caratterizza il settore, e gli stessi tour operator che organizzano il soggiorno dei turisti nelle strutture nel comune di Vicenza, porterebbero, inevitabilmente, una volta istituita l’imposta, a scegliere altre strutture ricettive situate in altri comuni della provincia dove, al momento, la “tassa” non può essere applicata. Anche un solo euro di imposta finirebbe per far spostare i gruppi di turisti in altri comuni, vanificando parte del risultati dell’azione di valorizzazione turistica della città.
Gli albergatori, pur comprendendo che l’Amministrazione comunale, usufruendo della possibilità di introdurre l’imposta di soggiorno andrebbe a mitigare lo stato di difficoltà finanziaria che grava sulle risorse specifiche per la promozione turistica, ribadiscono la disponibilità a continuare il confronto costruttivo ancora in atto. Hanno chiesto altresì al sindaco Variati di soprassedere al provvedimento, in attesa che il Governo, attraverso il decreto di modifica del federalismo municipale, elimini le disparità tra il capoluogo e il resto del territorio provinciale sull’applicazione dell’imposta di soggiorno.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?