CONFCOMMERCIO online
Locandine di protesta affisse nei negozi di Vicenza
Locandine di protesta affisse nei negozi di Vicenza
lunedì 08 ottobre 2012

“SINDACO VARIATI, IL COMMERCIO NON E’ UN DISTURBO!”

La protesta dei commercianti di Vicenza contro il Piano Urbano della Mobilità. Volantini e manifesti per chiedere un’attenta riflessione sul piano

Distribuzione di diecimila volantini e manifesti nei negozi di tutta la città con slogan diretti al Sindaco Variati per ricordargli che: “Il commercio non è un disturbo” o che “Con il P.U.M., oltre alle strade asfalti il commercio!”.  
Un’azione impattante, prima che il Piano passi al voto del Consiglio comunale, in programma giovedì prossimo.
Una mobilitazione a tutto campo, che fa seguito alla riunione dei presidenti delle sezioni cittadine della Confcommercio di Vicenza, Matteo Trevisan, Nicola Piccolo, Fabrizio Cristofani, Silvio Cerin, Michele Valentini, Massimo Furegon, Bruno Baggio, incontro che si è svolto qualche giorno fa nella sede dell’associazione per discutere del Piano Urbano della Mobilità e dei lavori stradali che l’Amministrazione sta già realizzando per dar corso al PUM. I sette presidenti, all’unanimità hanno concordato sulla necessità di sollecitare la revisione di alcuni interventi previsti dal PUM e che sì, si deve procedere ad una mobilità sostenibile, ma senza far morire il commercio. Da qui la decisione di dare il via alla protesta, ma allo stesso tempo anche ad una campagna informativa per spiegarne i motivi.     
“I manifesti e i volantini che saranno distribuiti dai negozianti della città – spiega Matteo Trevisan, presidente della Delegazione di Vicenza - hanno lo scopo di far comprendere al sindaco Variati e a tutta la cittadinanza, che il rischio è alto, che in gioco c’è il futuro di 1700 attività commerciali, in cui sono occupati 5600 lavoratori. Non si può, quindi, agire scombinando gli equilibri esistenti, dando il via ad interventi sulla viabilità urbana senza prima averne valutato gli effetti, in particolare sul commercio di prossimità”.
“Rete viaria e rete commerciale sono infatti in stretta connessione – continua Trevisan - e un’adeguata accessibilità da parte della clientela a negozi, pubblici esercizi, farmacie, ambulatori e altri servizi è condizione indispensabile alla loro sopravvivenza. Ma le scelte contenute nel PUM non tengono minimamente conto di questo, nonostante lungo gli assi stradali di penetrazione alla città e nelle centralità dei quartieri, dove il PUM prevede la realizzazione di nuove piste ciclabili e corsie preferenziali per gli autobus, siano complessivamente insediati oltre il 65% degli esercizi commerciali e dei pubblici esercizi. Da qui la nostra mobilitazione, con la speranza che si faccia un attento esame degli effetti devastanti di questo PUM sulle attività commerciali”.
E in effetti, il Piano, quando analizza l’assetto urbano, considera poli di attrazione le strutture amministrative, quelle scolastiche, gli impianti sportivi, le aree verdi e qualche altra “struttura particolare” come la Caserma Ederle, l’aeroporto (?!) il comparto industriale e le aree di trasformazione, ma non fa alcun accenno all’assetto della rete commerciale. Non è un caso perciò che, nell’ottica ingegneristica del PUM con obiettivi solo di diversa mobilità, il commercio possa essere considerato un “disturbo” per quelle strade dove sono previste piste ciclabili e corsie preferenziali per i bus.            
La mobilitazione avrà quindi lo scopo di far riflettere Sindaco e amministratori locali, ma anche i cittadini tutti, su quanto si sta facendo in città e, soprattutto, di sollecitare chi di dovere ad accantonare i lavori previsti fin tanto che non prevalgano soluzioni alternative condivise, che non mettano a rischio la sopravvivenza dei negozi.

LE MOTIVAZIONI DELLA PROTESTA, NEL VOLANTINO SCARICABILE NEL LINK SOTTOSTANTE

DOWNLOAD

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?