CONFCOMMERCIO online
Lino Stoppani, presidente nazionale Fipe-Confcommercio
Lino Stoppani, presidente nazionale Fipe-Confcommercio
venerdì 19 ottobre 2012

STOPPANI (FIPE): "ECCO DOVE GRILLI PUÒ TROVARE FONDI PER EVITARE I TAGLI"

Per scongiurare la retroattività di deduzioni e detrazioni fiscali eliminare i regimi di esenzione sulle somministrazioni di alimenti e bevande per circoli privati e sagre

fonte: ufficio Stampa Fipe nazionale
“Trovare i fondi richiesti dal ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, per scongiurare la retroattività su deduzioni e detrazioni fiscali previsti dal ddl Stabilità potrebbe essere più semplice del previsto”.
A consigliare una soluzione rapida ed efficace per rimpinguare le casse dello Stato è Lino Stoppani, presidente Fipe, la federazione italiana pubblici esercizi aderente a Confcommercio -Imprese per l’Italia.
“Se venissero eliminati i regimi di esenzione – spiega meglio Stoppani – con cui operano partiti politici, circoli privati, sagre paesane e religiose quando organizzano somministrazioni di alimenti e bevande, si recupererebbero addirittura due miliardi di euro. Ce ne sarebbe abbastanza anche per pagare molti debiti che la Pubblica Amministrazione ha con i fornitori di servizi”.
Secondo Fipe, i mancati introiti per lo Stato dovuti a esenzioni Iva, imposte dirette, Imu, imposte sugli intrattenimenti e ai trattamenti di favore di tributi locali sulla somministrazione di alimenti e bevande previsti dagli strumenti legislativi ammontano a due miliardi di euro e costituiscono un “aiuto di Stato” vietato dal Trattato di Roma. Fipe-Confcommercio proporrà ai politici emendamenti in tal senso, da presentare nell’iter legislativo appena iniziato.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?