CONFCOMMERCIO online
Un'immagine degli allagamenti dell'11 novembre (foto Comune di Vicenza)
Un'immagine degli allagamenti dell'11 novembre (foto Comune di Vicenza)
lunedì 12 novembre 2012

“NON C’E’ PIU’ TEMPO: SUBITO LE OPERE ANTI ALLUVIONE”

Sergio Rebecca, presidente di Confcommercio Vicenza, interviene sull’emergenza allagamenti dell'11 novembre vissuta in città e provincia

Nella giornata di ieri si è sfiorato il dramma per decine di attività commerciali della città e della provincia. Ora, ad emergenza superata, si può affermare che solo in pochissimi casi si sono effettivamente registrati dei danni, e ciò grazie agli avvisi tempestivi dell’Amministrazione e alla fondamentale opera della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, delle Forze dell’Ordine, del personale comunale, di Aim e Acque Vicentine.
Molte attività, contattate in piena emergenza dagli uffici di  Confcommercio, hanno però espresso il loro profondo disagio per aver dovuto procedere allo svuotamento della merce nei magazzini interrati e alla messa in sicurezza degli arredi, operazioni alle quali si aggiungono i costi per aver richiamato urgentemente in servizio, la domenica, il personale.
“E’ inammissibile che una semplice pioggia, pur intensa, tenga in scacco un’intera città è costringa famiglie e imprenditori ad autentiche corse contro il tempo per non subire danni irreparabili– afferma Sergio Rebecca, presidente della Confcommercio provinciale di Vicenza -. Va data un’immediata risposta a questa situazione di dissesto del territorio, realizzando subito le soluzioni già prospettate, senza se e senza ma. A cominciare dall’invaso di Caldogno, un’opera essenziale e di pubblica utilità,  che non può essere bloccata dagli interessi di pochi o da qualsiasi altra difficoltà, sia burocratica, sia finanziaria. Così come va garantita una puntuale manutenzione di tutti i corsi d’acqua. Non c’è più tempo: il rischio, infatti, è che i soldi oggi non spesi in prevenzione siano una parte infinitesimale di quanto dovremo pagare domani per i danni di un’altra catastrofe”. Il presidente di Confcommercio Vicenza invoca poi la necessità di “trovare al più presto una formula di intervento per la messa in sicurezza del territorio, che riduca drasticamente i tempi di progettazione, finanziamento ed esecuzione dei lavori”.
Tornando all’emergenza di domenica, questa mattina il presidente Rebecca, dopo aver fatto il punto con i funzionari dell’Associazione sulle attività interessate dagli allagamenti, ha telefonato al sindaco di Vicenza Achille Variati per esprimere il proprio apprezzamento sul grande lavoro messo in campo dall’Amministrazione
durante l’emergenza. “Credo sia stato fatto il massimo per evitare rischi e danni ai cittadini e alle aziende – spiega il presidente Rebecca -  utilizzando ogni canale  di
comunicazione disponibile per tenere tutti costantemente aggiornati, e contando anche sull’encomiabile servizio pubblico reso dai mezzi di informazione locali. Ora, però, dobbiamo accelerare perché simili situazioni non accadano più. Ci sono oggi imprese che, purtroppo, stanno ancora pagando le conseguenze dell’alluvione 2010. Non è minimamente immaginabile che, quelle stesse aziende, debbano vivere con l’incubo costante di nuovi allagamenti. Il rischio è che, alla fine, più di qualcuno decida di “mollare”, chiudendo la propria attività e facendo perdere alla città un insostituibile patrimonio di imprese”.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?