CONFCOMMERCIO online
I saldi invernali termineranno il 28 febbraio 2013
I saldi invernali termineranno il 28 febbraio 2013
giovedì 03 gennaio 2013

VENDITE DI FINE STAGIONE AL VIA SABATO 5 GENNAIO 2013

I negozianti contano sui saldi per invogliare i clienti a fare quegli acquisti rimandati dall'attesa di trovare la merce a prezzo scontato.

Sabato 5 gennaio inizieranno le vendite di fine stagione in Veneto e in tutte le altre regioni d’Italia (a Basilicata, Campania e Sicilia dove i saldi sono partiti il 2 gennaio). I saldi invernali continueranno fino al 28 febbraio.
Dalle telefonate che Confcommercio Vicenza ha fatto ai negozianti e titolari di pubblici esercizi della provincia, per capire l’andamento degli affari prima e dopo Natale e le aspettative riguardo ai saldi, emerge che la situazione, in generale, non è molto diversa dall’analogo periodo dell’anno scorso. Il che conferma le difficoltà per tutti a convivere con una crisi che da più di qualche anno non dà tregua né agli operatori commerciali, né ai consumatori. I primi sperano perciò nei “saldi” per recuperare un po’ più di liquidità, ridimensionando il magazzino; i secondi, di risparmiare negli acquisti, comperando ora, a prezzi scontati, quello che non hanno acquistato nemmeno sotto Natale. Il “regalo” per sé e per gli altri pare infatti essersi spostato da Natale alla Befana proprio per la possibilità di “mettere nella calza” doni a prezzi di saldo.
Un’altra considerazione comune a tutti gli operatori commerciali sentiti da Confcommercio è che gli “sconti” partiranno alti, nonostante i margini di guadagno per i negozianti siano ormai ridotti all’osso per l’altissima incidenza delle spese fisse (imposte e tasse, costi del personale, affitto, energia, ecc.). Ma lo sconto appetibile pare una buona strategia per invogliare il cliente a spendere un po’ di più.        
E che le spese siano rimandate a dopo Natale è una tendenza confermata anche dai ristoratori che hanno rilevato durante le Feste un calo delle cene aziendali (mediamente 20%, con un calo vistoso anche nel numero dei partecipanti), ma anche la novità di posticiparle in un periodo “più calmo”, magari come convivio per iniziare bene l’anno o per l’avvio di un nuovo progetto. Ottimo, invece, l’andamento generale di pranzi e delle cene di Natale di S. Silvestro, con la preferenza però della scelta “à la carte” piuttosto che il tradizionale menu completo. Ai pubblici esercizi del centro storico continua a dare un riscontro eccezionale di turisti (quasi tutti italiani) la mostra in Basilica “Raffaello verso Picasso”.
Rimanendo in tema di cibo, il commercio settore alimentare ha confermato i dati della stagione precedente, con una spesa pro-capite leggermente superiore rispetto allo scorso anno per l’aumento dei pranzi/cene in casa. A conferma che la crisi c’è, ma la festa con amici e parenti rimane per i Vicentini una tradizione natalizia irrinunciabile.
“Non ci aspettavamo particolari novità positive da parte dei nostri operatori sull’andamento degli affari in questo periodo – dice Andrea Gallo, direttore della Confcommercio di Vicenza – poiché la situazione economica non presenta segnali di miglioramento. Tutto il 2012 è stato difficile, con consumi in ulteriore flessione in tutti i settori e spese fisse, a cominciare da quelle fiscali, in aumento. Abbiamo però notato che le performances migliori giungono dalle attività che riescono a centrare meglio i gusti dei clienti e che offrono un accurato servizio di vendita. La specializzazione va vista quindi come uno strumento per affrontare con più forza le difficoltà del momento. Le svendite imminenti – continua Gallo – speriamo comunque portino “ossigeno” prezioso per tutti, soprattutto alle tante attività attualmente in sofferenza”.    


Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?