CONFCOMMERCIO online
Turisti in contrà Porti a Vicenza
Turisti in contrà Porti a Vicenza
mercoledì 30 ottobre 2013

ACCOGLIENZA TURISTICA: IL PRESIDENTE REBECCA HA INCONTRATO IL SINDACO VARIATI

Per Confcommercio è necessario far conoscere maggiormente ai turisti tutto il centro storico e non solo i monumenti più rappresentativi. Proposta l'idea di un trenino turistico

Migliorare l’accoglienza turistica di Vicenza presentando ai visitatori l’immagine di una città che può offrire tante occasioni per ammirare luoghi ricchi di architettura pregevole, di storia, di vitalità commerciale. E’ stato questo il tema al centro dell’incontro, avvenuto lunedì 28 ottobre, tra il presidente della Confcommercio di Vicenza Sergio Rebecca, il direttore Ernesto Boschiero e il sindaco Achille Variati.
“Dobbiamo sfatare il cliché che Vicenza si possa visitare con una breve sosta in città per lo stretto tempo necessario a vedere alcuni monumenti particolarmente rappresentativi – afferma il presidente Rebecca -. E ciò è possibile, prima di tutto, realizzando un’analisi dettagliata e scientifica dei percorsi effettuati dai turisti all’interno del centro storico, per capire con quali modalità possiamo invitare i visitatori a compiere un ampio tour della città, ancor più coinvolgente”.
L’obiettivo, ribadito da Confcommercio nel corso dell’incontro con il Sindaco, è quello di includere un numero maggiore di vie e piazze negli itinerari dei turisti. Perché Vicenza ha molto da offrire non solo da un punto di vista della “scenografia cittadina”, ma anche come città da vivere con i suoi negozi, bar, ristoranti, le contrà ricche di storia, i mercati e così via.
Un contributo nell’ottica di migliorare l’accoglienza turistica facendo conoscere maggiormente il centro storico potrebbe riservarlo l’istituzione di un “petit train”, che consenta al turista di compiere una prima “ricognizione” della città, individuando anche altri punti meritevoli di una visita al di fuori dei monumenti più conosciuti. In questo senso Confcommercio ha consegnato al sindaco Variati un piano preliminare per consentire all’Amministrazione di valutare costi e modalità di attivazione del trenino. La spesa, per il Comune, potrebbe infatti essere minima se venisse indetto un “Bando Pubblico” di affidamento del servizio ai privati.
L’ipotesi è quella di far compiere al trenino un tour di circa 40 minuti, che partendo da Porta Castello o Campo Marzo attraversi il centro storico in più direzioni, permettendo così al visitatore, attraverso le fermate intermedie, anche di spostarsi con comodità in zone oggi turisticamente meno frequentate, ma altrettanto interessanti per cultura, storia o shopping: è il caso di corso Fogazzaro, di piazza San Lorenzo, di piazza Duomo, di Contrà Vescovado e altro ancora.
“Quello del “petit train” è un servizio attivo già in altre realtà italiane e europee e può rivelarsi particolarmente utile per migliorare l’accoglienza turistica– è il commento del presidente della Confcommercio provinciale -. L’obiettivo che ci dobbiamo prefiggere è di allungare i tempi che i visitatori dedicano alla città – conclude Sergio Rebecca -  e lo possiamo fare solo se facciamo capire che Vicenza ha molto da offrire e merita di essere una meta alla quale dedicare qualche giorno, non solo poche ore”.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?