CONFCOMMERCIO online
giovedì 07 novembre 2013

EFFETTO TARES: MENO VENDITE NELL'ABBIGLIAMENTO

Matteo Garzaro, presidente di Federmoda Confcommercio Vicenza: "Gli aumenti della tassa rifiuti hanno frenato i consumi più dell'autunno caldo"

Due mesi da dimenticare per il dettaglio tessile abbigliamento della provincia. Lo afferma, senza mezzi termini, Matteo Garzaro, presidente di Federmoda-Confcommercio Vicenza: “Tra settembre e ottobre stimiamo una perdita media, a livello di vendite nei negozi della provincia, attorno all’8 per cento. Ovviamente c’è chi ha avuto performance migliori e chi ha registrato risultati di gran lunga peggiori, ma quel che accomuna la stragrande maggioranza degli operatori è un sostanziale calo nel confronto con lo stesso periodo del 2012”. Colpa, ci si chiede, di un autunno pazzo che sta facendo registrare temperature superiori alle media e dunque non invita ad acquistare l’abbigliamento di stagione? “Certo il fattore meteo ha la sua influenza – è l’analisi del presidente Garzaro – , ma tutti noi operatori abbiamo notato come le vendite abbiano subito una brusca frenata con l’arrivo dei bollettini della Tares, la tariffa rifiuti che si è rivelata una bella mazzata per tante famiglie. La disponibilità economica è una “coperta” oramai troppo corta e giocoforza, all’aumentare delle tasse diminuiscono i consumi. Fino a qualche tempo fa questo effetto si notava meno, ora è fin troppo evidente”.
Al punto che preoccupano non poco le notizie secondo le quali potrebbe saltare l’abolizione della seconda rata Imu a dicembre: “Per noi sarebbe un’altra mannaia – afferma il presidente di Federmoda Vicenza – perché dicembre è uno dei mesi più importanti dal punto di vista degli acquisti nel settore abbigliamento e queste notizie non fanno che bloccare la propensione alla spesa dei clienti”.
Con il risultato che il danno, per i negozianti, è doppio: ai cali di fatturato causato dalla diminuzione dei consumi si aggiunge, infatti, l’incremento dei costi per le imprese del dettaglio: “Abbiamo fondamentalmente incamerato l’aumento di un punto dell’Iva per non ritoccare verso l’alto i prezzi, in questo momento critico per l’economia – rincara Matteo Garzaro -. Abbiamo generalmente subito una crescita considerevole della spesa per tariffa rifiuti con l’introduzione della Tares. I nostri immobili strumentali sono tartassati dalle imposte che rischiano di aumentare considerevolmente con la nuova Tasi. Qui, se non si inverte rotta, la situazione diventa drammatica per le nostre aziende”.
Un segnale di difficoltà è facilmente individuabile in provincia: vendite promozionali e sconti si stanno moltiplicando nelle vetrine dei negozi di abbigliamento. “I consumatori lo percepiscono come un vantaggio, perché risponde nell’immediato a retribuzioni sempre più erose da spese fisse e dall’insostenbile tassazione delle buste paga – spiega il presidente di Federmoda Vicenza – In verità, alla lunga, è un boomerang per tutti, perché fare cassa in questo modo fa perdere marginalità alle aziende in un periodo in cui, invece, aumentano i costi. E alla lunga il rischio è quello della chiusura o della scelta di approvigionarsi di prodotti meno costosi a discapito, spesso, del Made in Italy. Dunque un danno all’economia che tocca tutti, imprese e lavoratori”. 

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?