CONFCOMMERCIO online
giovedì 12 dicembre 2013

VENETO: MERCATO DELL'AUTO ANCORA IN CALO

I dati resi noti dal Gruppo regionale Auto Moto di Confcommercio Veneto: "Concessionari allo stremo"

fonte: Confcommercio Veneto

Settore dell’auto ancora in calo in Veneto. Continua il trend negativo delle immatricolazioni, che nel 2012 aveva registrato un -20,25% rispetto al 2011, e da gennaio a novembre 2013 – secondo i dati dell’Unrae - è sceso ulteriormente del  7,19% sul 2012. 
“La situazione va di male in peggio - dichiara il presidente regionale del Gruppo Auto Moto di Confcommercio Veneto Giorgio Sina – Sono sempre più i concessionari che chiudono, con conseguenti ripercussioni sul fronte occupazionale, o che fanno ricorso alla cassa integrazione in deroga”.
Il ricorso alla cassa integrazione in deroga per il settore auto, comprese le imprese che fanno manutenzione, è raddoppiato rispetto all’anno scorso. In particolare, le ore autorizzate nel 2011 erano 469.451, passate nel 2012 a 893.384, e nel 2013 a 1.504.599.
Se nel 2012 sono state 100.143 le auto immatricolate, nel 2013 se ne contano 92.940.


 “Il calo nelle vendite di auto e moto dà la misura di quanto la crisi si stia abbattendo nel settore terziario, caposaldo storio della nostra economia – aggiunge il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon – il Governo, anziché arenarsi su questioni che non interessano il Paese avrebbe dovuto preoccuparsi della crescita del Paese e della crisi occupazionale, che sta avendo esiti drammatici e in molti casi tragici”.
Venendo ai dati, la provincia che registra il calo maggiore nel 2013 è decisamente quella di Verona, dove le immatricolazioni scendono a -10,54%, mentre la provincia di Belluno, che nel 2012 aveva espresso il picco negativo più consistente del Veneto (-25,65%), nel 2013 registra il calo più contenuto di tutte le province, con un -3,20%. Nella provincia di Padova il dato è di -5,11%, in quella di Rovigo di -6,24%, in quella di Treviso -7,84%, nella provincia di Venezia -6,38%, in quella di Vicenza -6,64%.
Hanno sofferto tutti i marchi, compresi quelli italiani. L’Alfa Romeo in provincia di Belluno va a -25,28%, in quella di Padova a -23,90%, a Rovigo -33,01, a Treviso -20,25%, a Venezia -27,46%, a Verona -28,89%, a Vicenza -20,67%.

La crisi è crisi, e il lusso sfrenato della Ferrari oscilla tra lo stazionario e il calo: a Belluno se n’è venduta 1, come l’anno scorso; a Padova 6 (-33,33%); a Rovigo 1 (invariato rispetto al 2012); a Treviso 6 (invariato), a Venezia 3 (-25%), a Verona 3 (-40%), a Vicenza 7 (-12,50%).

Fra le tedesche, in calo, pur se contenuto, la Volkswagen, mentre la Bmw ‘tiene’ in alcune province, ma cala quasi ovunque, così come Opel.

I Suv continuano a crescere i quasi tutte le province: in provincia di Belluno Kia è a +79,71% e la Land Rover a +5,17%; in quella di Padova la Kia va a +63,23% e la Land Rover a +12,18%; a Rovigo Kia è a +37,31% e la Land Rover a +57,69%; a Treviso Kia è a 8,43% e Land Rover a +10,94%; a Venezia Kia cala (-1,76%) mentre Land Rover cresce (+11,52%); a Vicenza Kia va a +11,66% mentre Land Rover scende a -37,70%; a Verona Kia è a +43,41% e Land Rover a 10,70%.

Tra i pochi segni positivi, quello della Renault è il denominatore comune a tutte le province: a Belluno le immatricolazioni registrano +17,62%, a Padova +26,49%, a Rovigo +45,40%, a Treviso +47,67%, a Venezia +54,09%, a Verona +25,46%, a Vicenza +32,85%. La Peugeot cresce, anche se di poco, nella maggior parte delle province.





Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?