CONFCOMMERCIO online
mercoledì 18 dicembre 2013

CONFCOMMERCIO CHIEDE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ATTIVITA' RUMOROSE

L'Associazione ha presentato nei giorni scorsi le proprie osservazioni all'Amministrazione Comunale di Lonigo

La bozza del nuovo regolamento comunale che disciplina la classificazione acustica del territorio di Lonigo e le attività rumorose presenta molti aspetti critici e dovrebbe essere modificata per evitare ulteriori oneri e adempimenti burocratici per le imprese commerciali, in particolar modo i pubblici esercizi. La richiesta arriva dalla Confcommercio di Vicenza di concerto con il mandamento leoniceno, che analizzando il documento comunale ritiene onerosi, complicati e difficilmente attuabili alcuni fra gli adempimenti previsti. A cominciare dalla richiesta di un  “documento di impatto acustico”, redatto solo da soggetti con specifica abilitazione, che dovrebbe essere presentato in caso di realizzazione, modifica o potenziamento di macchine o impianti rumorosi (quali ad esempio le unità di ventilazione, climatizzazione o anche di diffusione sonora). Secondo Confcommercio, che ha presentato una dettagliata valutazione critica del regolamento e suggerito alcune proposte di modifica, tale adempimento risulta fra l’altro inutilmente costoso per le aziende del Terziario. L’Associazione ha dunque chiesto, in sostituzione, la possibilità di presentare un’autocertificazione o comunque di prevedere una procedura semplificata.
Confcommercio ha inoltre evidenziato che la complessa regolamentazione sulla classificazione acustica  penalizza in modo particolare i pubblici esercizi, soprattutto in tema di orari per lo svolgimento di concertini o musica d'ambiente. A questo  riguardo viene suggerito di eliminare i previsti limiti di orario e di adottare soluzioni, che pur nella condivisione della necessità di tutelare la quiete pubblica ed il riposo delle persone, tengano in considerazione anche le esigenze ed i bisogni delle attività economiche. Proprio nel caso di concerti e musica all’aperto, Confcommercio richiede una regolamentazione uniforme e senza limitazioni e prescrizioni, relativamente ad esempio agli orari o alla periodicità degli eventi, al pari del trattamento riservato ad enti ed associazioni che promuovono eventi, quali sagre, feste popolari e manifestazioni, che usufruiscono invece di esenzioni e deroghe.
Molto articolate e puntuali, quindi, le osservazioni e proposte presentate al Comune di Lonigo, che Confcommercio ha chiesto di discutere in uno specifico incontro con l’Amministrazione.  In un momento congiunturale particolarmente difficile, infatti, le imprese chiedono meno burocrazia e meno adempimenti.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?