CONFCOMMERCIO online
lunedì 03 febbraio 2014

DAL VENETO, CONFCOMMERCIO PORTA A ROMA CENTINAIA DI IMPRENDITORI

La mobilitazione delle associazioni provinciali in vista della manifestazione del 18 febbraio, organizzata da Rete Imprese Italia

fonte: Confcommercio Veneto

Sarà massiccia la partecipazione di Confcommercio Veneto alla manifestazione del 18 febbraio a Roma, indetta da Rete Imprese Italia per chiedere al Governo misure concrete per la ripresa dell’economia. Sono circa 600 le adesioni finora raccolte nelle sedi territoriali della Confederazione regionale delle piccole e medie imprese del commercio, del turismo e dei servizi, ma si conta nei prossimi giorni di raggiungere un totale di circa 800 partecipanti, che partiranno per la capitale con pullman e treni organizzati da ogni provincia.
La partenza è prevista all’alba, tra le 5 e le 6 del mattino, mentre il ritorno avverrà nella notte dello stesso giorno. Confcommercio Veneto, in stretta collaborazione con la sede nazionale e con le sedi territoriali, sta predisponendo striscioni e cartelli da esporre durante manifestazione, che approderà in piazza Santi Apostoli per dire che “Senza impresa non c’è Italia”. “Riprendiamoci il futuro”, recita lo slogan unitario. Al centro della protesta le mancate o comunque deboli misure adottate dal Governo per avviare la ripresa del Paese.

“L’unica misura adottata – sottolinea il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon – è l’aumento delle tasse, sul quale peraltro incombono confusione e incertezze. L’unica certezza è che saranno le piccole e medie imprese a pagare il prezzo più alto, assieme ai lavoratori. Per questo la nostra presenza sarà consistente, nonostante la manifestazione si svolga in un giorno lavorativo”.

Confcommercio Verona annuncia la partenza in treno di circa 100 partecipanti; da Padova partiranno due pullman, che potrebbero salire a 3, data l’alta adesione già raccolta in questi giorni, per un totale, attualmente, di oltre 100 componenti appartenenti a tutte le categorie rappresentate; da Mestre partiranno in treno oltre 100 persone fra dirigenti e associati di tutta la provincia di Venezia; anche la Confcommercio di Vicenza raggiungerà Roma in treno portando nella capitale oltre 100 partecipanti fra dirigenti e presidenti di categoria; da Belluno la partenza avverrà in treno con 50 partecipanti; la Confcommercio di Rovigo raggiungerà Roma in treno con oltre 60 persone; Treviso sta raccogliendo le adesioni per organizzare un pullman con almeno 60 persone, che partirà all’alba dal capoluogo.

“Quello che chiediamo – aggiunge Zanon – è la riduzione del costo del lavoro, una flessibilità adeguata all'organizzazione del lavoro e all'evoluzione del mercato, la semplificazione della burocrazia e della gestione dei rapporti datori-dipendenti. Le continue riforme sul lavoro non aiutano, mentre l'obiettivo principale è consentire di assumere. Una riforma che ingessa la flessibilità infligge un colpo mortale alle nostre aziende, già duramente provate. Basti pensare – conclude il presidente di Confcommercio Veneto - che tra il 2008 e il 2012 i consumi in Veneto sono scesi del -1,2%; tra il 2013 e il 2014 si prevede un calo della stessa intensità. I consumi reali procapite sono scesi del -1,6% fra il 2008 e il 2012 e nel raffronto fra il 2013 e il 2014 si avrà un ulteriore calo del -1,8%. L’effetto è quello che si avverte passando per le vie delle città: cartelli con la scritta ‘vendesi’, negozi storici che scompaiono e un turnover bloccato”.   


Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?