CONFCOMMERCIO online
giovedì 31 luglio 2014

ESAMI PATENTE: A VICENZA RIVOLGERSI AD UNA SCUOLA GUIDA E' GARANZIA DI SUCCESSO

La nostra provincia al primo posto in Veneto per idonei agli esami di teoria e seconda di promossi alla guida

Per ottenere la patente i vicentini scelgono le autoscuole, solo in pochissimi, infatti, provano ad ottenere il permesso di guida come privatista. E fanno bene, visto che le autoscuole vicentine garantiscono, in Veneto, la miglior percentuale di promossi negli esami di teoria, piazzandosi al secondo posto nella classifica regionale anche per quel che riguarda le prove di guida.
I dati provengono dal rapporto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sugli esiti degli esami per il conseguimento delle patenti di guida relativi all’anno 2013. “Queste statistiche confermano  l’elevato livello qualitativo - per quanto riguarda  istruttori, didattica e organizzazione, delle scuole guida presenti in provincia – è il commento soddisfatto di Paola Tommasini, presidente della categoria che opera in seno a Confcommercio Vicenza -. Le realtà presenti nel nostro territorio, infatti, raggiungono risultati eccellenti non solo nel confronto regionale, ma anche a livello nazionale”.
I dati diffusi dal Ministero evidenziano che il 98,51%  dei vicentini che vogliono conseguire una patente si rivolgono alle autoscuole, contro il 96,03% delle media veneta e il 95,46%  nazionale. Solo Caserta, con l’1,22% di privatisti, fa meglio di Vicenza, dove i privatisti sono l’1,49%  del totale.
Su 13.469  esami di teoria sostenuti nel 2013 attraverso le autoscuole di Vicenza, ben l’81,65% hanno avuto esito positivo. Nessun’altra provincia veneta ha raggiunto questo risultato: la media regionale si ferma al 76,89%, mentre quella nazionale arriva al 74,28%. Vita dura per i privatisti, che a Vicenza hanno registrato il 66,41% di respinti.
Per quanto riguarda gli esami pratici di guida, sono 12.927 quelli sostenuti l’anno scorso attraverso le autoscuole vicentine, con l’85,8%  di promossi. Vicenza si piazza al secondo posto in Veneto dopo Treviso (dove gli idonei hanno toccato quota 91,8%). La media regionale degli idonei che hanno sostenuto l’esame attraverso le autoscuole si attesta all’83,4%, mentre quella nazionale raggiunge l’87,73%  (una percentuale condizionata dai risultati del sud Italia, dove è risultato promosso il 96,48% di chi ha sostenuto l’esame di guida,  contro l’83,46% dell’Italia settentrionale). In questo caso la differenza con chi affronta l’esame con il “fai da te” è minima, ma il motivo sta soprattutto nell’obbligo, per i privatisti, di fare almeno 6 ore di guida presso un’autoscuola con istruttore abilitato e autorizzato.
“Dopo l’ultima  riforma degli esami conseguire la patente di guida è diventato  più complesso, soprattutto per quanto riguarda il superamento della teoria, mentre quella pratica è sempre stata una prova comunque impegnativa  – conferma Paola Tommasini,  presidente dell’Associazione provinciale Autoscuole e Agenzie Pratiche Auto di Confcommercio Vicenza -  Queste statistiche  confermano che rivolgersi ad un’autoscuola dà la garanzia della miglior preparazione possibile”.
Un dato che fa riflettere, però, è il calo vertiginoso delle prove d’esame, che a livello nazionale sono passate dai 2milioni e 200 mila circa del 2010 al milione e 753mila del 2013: “Un crollo che abbiamo sentito, pur in forma più contenuta, anche nel Vicentino, dove gli esami sostenuti erano 29.334 nel 2010 e sono stati 26.794 nel 2013 – conferma la Tommasini -. La crisi economica ha certamente influito: vengono a mancare le patenti fatte da cittadini stranieri che arrivavano a Vicenza per lavoro, ma anche quelle di tanti giovani, che magari preferiscono rinviare a quando avranno la possibilità di acquistare un’auto  e, soprattutto, di mantenerne i costi, tra assicurazioni e carburanti”.
In una situazione di mercato difficile, poi, si registra lo sconcerto delle autoscuole vicentine per il recente blocco del sistema informatico ministeriale che regola il rinnovo delle patenti: “Ora si sta lentamente tornando alla normalità – afferma la presidente Tommasini –, ma per  giorni siamo stati tra “l’incudine” di un portale web che non dava segno di vita e il “martello” dei nostri clienti giustamente arrabbiati per il ritardo delle pratiche. Ancora non si è capito bene cosa sia successo, ma di certo problemi di questo tipo danneggiano prima di tutto  l’utenza e poi anche l’immagine di efficienza delle nostre agenzie, che abbiamo costruito negli anni facendo fronte a numerosi cambi di normative e di procedure, oltre che ai cronici problemi di organico della Motorizzazione”.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?