CONFCOMMERCIO online
Un'immagine del mercato ortofrutticolo di Vicenza
Un'immagine del mercato ortofrutticolo di Vicenza
giovedì 21 agosto 2014

MERCATO ORTOFRUTTICOLO DI VICENZA. PER CONFCOMMERCIO SERVONO NUOVE REGOLE

Il direttore Boschiero scrive al Comune di Vicenza chiedendo di far rispettare l'obbligo per i coltivatori diretti di vendere solo merce propria

“I “furbetti” del mercato ortofrutticolo di Vicenza hanno vita facile grazie ad un regolamento che lascia spazio alle ambiguità e risulta, di fatto, largamente disapplicato”. Ernesto Boschiero, direttore della Confcommercio di Vicenza, interviene per chiedere al Comune di “affrontare in modo radicale e di risolvere una volta per tutte” l’inaccettabile questione di quei produttori agricoli che vendono, oltretutto senza dichiaralo, prevalentemente merce acquistata nei mercati, anziché di propria produzione.  Nonostante le numerose segnalazioni effettuate da Confcommercio Vicenza al Comune,  ad Agecontrol (l’autorità incaricata ad effettuare i controlli nel settore), alla Guardia di Finanza, e ad Agrovi (la cooperativa che gestisce il mercato ortofrutticolo), le irregolarità poste in essere dai banchi di alcuni “coltivatori diretti” sembrano inarrestabili. Persino le multe, infatti, non scoraggiano chi approfitta di un regime fiscale speciale per realizzare introiti che nemmeno le sanzioni riescono, evidentemente, a scalfire. La legge consente infatti ai produttori di non emettere scontrini sino al raggiungimento di soglie che risultano ben difficili da controllare.
Il punto è che al mercato ortofrutticolo di Vicenza, come è stato dimostrato anche nel febbraio scorso da una puntata speciale di “Striscia la Notizia”, non tutti sono “veri” coltivatori diretti. Non solo: gli agricoltori, stando alle norme, dovrebbero vendere prima di tutto ai fruttivendoli o ad altri operatori e solo secondariamente al consumatore finale. Invece  non è così: alcuni banchi “agricoli” la mattina presto, quando alle 5.30 i clienti sono negozianti e ristoratori,  sembrano colti da improvvisa carestia, mentre fioriscono di ogni “bendidio”  dopo le 9.00, quando i cancelli si aprono a tutti.  “Già mettere maggiormente sotto controllo questo fenomeno, così come il rispetto delle indicazioni obbligatorie al consumatore, sarebbe essenziale – spiega il direttore Boschiero –, ma evidentemente non basta. Qui c’è da intervenire sul regolamento, obbligando i produttori, come già avviene in altri contesti della provincia, a commercializzare solo merci provenienti dalla loro azienda agricola o comunque da colleghi vicini, prevedendo in caso contrario sanzioni severe”.
Il direttore di Confcommercio Vicenza, che sull’argomento ha inviato oggi una lettera all’Amministrazione Variati,  si riferisce al regolamento del mercato contadino di Arzignano come “ottimo esempio” da applicare al mercato ortofrutticolo di Vicenza.  Questo disciplinare, redatto anche con la collaborazione dell’Associazione, impone infatti ai “coltivatori diretti” di offrire sui loro banchi esclusivamente prodotti provenienti dalla propria impresa o al massimo da altre aziende agricole venete. Insomma, qui è messo al bando la possibilità di acquistare prodotti al di fuori della filiera agricola (ad esempio  nei mercati), per poi rivenderli al consumatore finale. Per verificare il rispetto della regola, dall’aprile scorso il Comune di Arzignano chiede poi al coltivatore di dichiarare anche, in sede di domanda, le colture aziendali, le tipologie di prodotto vendute e il periodo di disponibilità. Tutti dati che poi possono essere incrociati con altre fonti, ad esempio con quelli che gli agricoltori stessi presentano all’agenzia Avepa (preposta ai pagamenti alle aziende del settore).
“Con poche ed efficaci azioni è possibile contrastare meglio chi “bara” al mercato ortofrutticolo di Vicenza – conclude il direttore Boschiero – . Chiediamo quindi  ora al Comune di Vicenza di riscrivere pochi ma essenziali passaggi del regolamento e di  garantire una maggiore tutela al consumatore e agli stessi operatori del mercato che si comportano onestamente. L’attuale situazione, infatti,  non danneggia solo i negozianti di ortofrutta della città, che subiscono la concorrenza di chi sta “fuori dalle regole”, ma anche gli altri produttori agricoli e soprattutto i consumatori, i quali devono essere garantiti sulla provenienza reale di ciò che acquistano”.

Dopo,la presa di posizione di Confcommercio Vicenza si registra la risposta del Comune, per bocca dell'assessore Filippo Zanetti. “Siamo pienamente d'accordo con Confcommercio – dichiara l'assessore alla semplificazione e innovazione in risposta alla lettera arrivata  in Comune da parte di Ernesto Boschiero, direttore dell'associazione di categoria, per chiedere regole più stringenti nei confronti di quei produttori agricoli che vendono prevalentemente merce acquistata nei mercati, anziché di propria produzione -. Questi operatori danno luogo ad una concorrenza sleale che danneggia il sistema economico e soprattutto il consumatore. Che i piccoli produttori agricoli possano vendere i propri prodotti – spiega Zanetti - è infatti una risorsa, perchè danno certezze al consumatore finale sulla provenienza a chilometri zero, sulla stagionalità e sulla qualità dei prodotti che acquista. Sui comportamenti scorretti da parte di questi operatori, vigila l'Agecontrol, l'autorità incaricata di effettuare i controlli nel settore, che sono peraltro aumentati ultimamente anche per effetto delle sollecitazioni dell'associazione di categoria con il nostro sostegno. Noi possiamo comunque senz'altro modificare il regolamento per renderlo uno strumento per renderlo uno strumento più efficace nella tutela del consumatore e degli stessi operatori che si comportano onestamente. Per questo – annuncia Zanetti - organizzeremo a breve un incontro con Confcommercio e Agrovì, la società cooperativa che gestisce per conto del Comune il mercato ortofrutticolo, per vedere assieme quali punti modificare”. 

Dopo la presa di posizione di Confcommercio Vicenza si registra la risposta del Comune, per bocca dell'assessore Filippo Zanetti. “Siamo pienamente d'accordo con Confcommercio – dichiara l'assessore alla semplificazione e innovazione in risposta alla lettera arrivata  in Comune da parte di Ernesto Boschiero, direttore dell'associazione di categoria, per chiedere regole più stringenti nei confronti di quei produttori agricoli che vendono prevalentemente merce acquistata nei mercati, anziché di propria produzione -. Questi operatori danno luogo ad una concorrenza sleale che danneggia il sistema economico e soprattutto il consumatore. Che i piccoli produttori agricoli possano vendere i propri prodotti – spiega Zanetti - è infatti una risorsa, perchè danno certezze al consumatore finale sulla provenienza a chilometri zero, sulla stagionalità e sulla qualità dei prodotti che acquista. Sui comportamenti scorretti da parte di questi operatori, vigila l'Agecontrol, l'autorità incaricata di effettuare i controlli nel settore, che sono peraltro aumentati ultimamente anche per effetto delle sollecitazioni dell'associazione di categoria con il nostro sostegno. Noi possiamo comunque senz'altro modificare il regolamento per renderlo uno strumento per renderlo uno strumento più efficace nella tutela del consumatore e degli stessi operatori che si comportano onestamente. Per questo – annuncia Zanetti - organizzeremo a breve un incontro con Confcommercio e Agrovì, la società cooperativa che gestisce per conto del Comune il mercato ortofrutticolo, per vedere assieme quali punti modificare”. 

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?