CONFCOMMERCIO online
Un coreografico piatto di Bacalà alla Vicentina
Un coreografico piatto di Bacalà alla Vicentina
giovedì 11 settembre 2014

LA FESTA DEL BACALA' E' IN ONORE DELLA VIA QUERINISSIMA

Sandrigo e la sua Festa (16-30 settembre) sempre più "crocevia" internazionale di promozione del piatto tipico. Le istituzioni puntano sull'Itinerario Culturale Europeo

L’anno scorso era un’idea, per certi versi quasi una scommessa. Quest’anno è un progetto che ha l’imprimatur istituzionale del Veneto e della Norvegia e l’anno prossimo, in occasione dell’Expo 2015, potrebbe essere una realtà di largo respiro internazionale. La Via Querinissima, ovvero il percorso europeo (tocca ben 14 nazioni) ispirato al viaggio compiuto da Pietro Querini nel 1431 - che di fatto ha introdotto lo stoccafisso in terra veneta - ha compiuto negli ultimi dodici mesi molti passi avanti per fregiarsi dello status di “Itinerario Culturale Europeo” da parte del Consiglio d’Europa”.

Un riconoscimento, tanto per capirsi, che oggi riguarda solo una trentina di percorsi nel Vecchio Continente, tra i quali i più noti sono sicuramente quelli religiosi (Il Cammino di Santiago de Compostela e la Via Francigena) ed enogastronomici (La strada  dell’olivo e della vite). Proprio per sottolineare come l’itinerario europeo dello stoccafisso  sia entrato in una fase istituzionale decisiva, la Confraternita del Bacalà alla Vicentina e la Pro Sandrigo hanno deciso di dedicare quest’anno il Gran Galà, che apre la tradizionale Festa del Bacalà di Sandrigo, alla Via Querinissima. 

L’evento, fissato per martedì 16 settembre, sarà dunque un momento clou anche per chiamare a raccolta attorno al progetto le tante autorità tradizionalmente presenti all’appuntamento. Il comune obiettivo, infatti, è di arrivare ad un riconoscimento che di fatto apre molte possibilità in termini di accesso a bandi di finanziamento europei e di sviluppo del turismo enogastronomico e culturale. A sottolineare questi aspetti e a spiegare lo stato di avanzamento della Via Querinissima, oltre che tutti i particolari della tradizionale Festa del Bacalà di Sandrigo (in programma dal 16 al 30 settembre), sono stati lo scorso venerdì 12 settembre Luciano Righi, presidente della Confraternita del Bacalà alla Vicentina; Fausto Fabbris, presidente della Pro Sandrigo ed Ernesto Boschiero, direttore di Confcommercio Vicenza, associazione che da anni sostiene il sodalizio nelle sue attività di promozione del piatto tipico berico.

All’Università del Gusto, sede dell’incontro con la stampa, è stato prima di tutto annunciato ufficialmente il primo atto transnazionale incentrato sulla Via Querinissima: il prossimo 7 ottobre, a Bruxelles, la Regione Veneto e la Contea norvegese del Nordland (nel cui territorio rientrano le Isole Lofoten, da dove proviene la maggior parte dello stoccafisso usato per il Bacalà alla Vicentina) sigleranno un protocollo d’intesa per far avanzare il progetto, atto formale che permetterà anche di accedere ad alcuni bandi europei. Questo appuntamento è stato preparato a lungo (a partire dal convegno di Sandrigo del settembre scorso) e ha portato alla decisione della Contea norvegese di stanziare il corrispettivo di circa 50 mila euro per finanziare la partenza del progetto. La Regione Veneto ha attivato una task force di tecnici di tre assessorati (Bilancio, Cultura e Turismo) per dare concretezza alla Via Querinissima. A questi atti formali si aggiungono poi tutti i contatti, già in fase avanzata, che la Confraternita del Bacalà alla Vicentina e altre istituzioni hanno attivato in Svezia, Germania, Svizzera, Austria, Belgio, Spagna e Portogallo.

Recentemente il progetto è stato presentato con successo all’Unesco e al Consiglio d’Europa, mentre si sta predisponendo anche una presenza a Expo 2015. Per la Confraternita e per la Pro Sandrigo sarebbe il raggiungimento di un traguardo in grado di proiettare  il Bacalà alla Vicentina ancor più in un contesto internazionale. Anche se, va riconosciuto, la forza del piatto tipico berico rimane la sua dimensione popolare, come dimostra il grande successo che ogni anno premia gli organizzatori della Festa del Bacalà di Sandrigo.


Una Festa nel nome del Bacalà

Sono migliaia, infatti, gli appassionati del classico piatto di polenta e baccalà attesi dal 16 al 30 settembre a Sandrigo (VI), che si trasforma per due settimane nella capitale del Bacalà alla Vicentina. L’apertura ufficiale, come già accennato, è per il Gran Galà del 16 settembre (su prenotazione) dove i Ristoratori del Bacalà (sodalizio che raggruppa ben 55 locali, di cui 7 fuori provincia e altri 7 all’estero) hanno preparato un menu degno della Via Querinissima (compreso una Lofotenfisk souppe, tipica zuppetta di Rost, isola della Norvegia famosa per il suo stoccafisso).

Poi, da venerdì 19 settembre la festa è un susseguirsi di appuntamenti enogastronomici, musicali e culturali, dove spiccano le serate nelle quali il Bacalà sarà abbinato ai “bigoi col torcio” (venerdì 19 e sabato 20 settembre), agli Gnocchi di Posina (giovedì 25 settembre) e al riso (lunedì 30 settembre), oltre che quella dedicata agli Avannotti fritti (venerdì 26 settembre). 

Gli stand gastronomici, ovviamente, offrono sempre il classico piatto di Bacalà alla Vicentina con polenta, che non può mancare nel menu di chi frequenta la festa, appassionati che affrontano anche lunghe trasferte da fuori regione per non perdersi questo appuntamento. Certo nessuno supera, nel viaggio, la delegazione di norvegesi dell’isola di Rost che anche quest’anno non mancheranno alla festa, soprattutto nel momento clou di domenica 28 settembre.

La giornata, infatti, sarà dedicata alla suggestiva Cerimonia di investitura dei nuovi confratelli, preceduta dalla sfilata delle altre Confraternite Enogastronomiche provenienti un po’ da tutta Italia, dalla consegna delle targhe ai nuovi ristoranti dell’Itinerario del Bacalà e dal riconoscimento di due nuovi Bacalà Club sorti a Vicenza e a Pasiano di Pordenone.  Quest’anno, però, la Cerimonia si caricherà di un ulteriore momento simbolico: il passaggio del testimone tra il Priore della Confraternita Walter Stefani (in carica dal 2007 dopo essere succeduto all’indimenticato Virgilio Scapin) e il nuovo Priore, l’eclettico scrittore e artista Galliano Rosset. Sarà certamente l’occasione per ripercorrere, nelle parole dei protagonisti di questo significativo  momento, la storia di una delle Confraternite italiane più attive nella promozione di un piatto tipico, non a caso riconosciuto dall’Unione Europea, attraverso il circuito EuroFIR, fra i cinque alimenti della tradizione italiana.

Il programma completo della festa del link a fondo pagina.

DOWNLOAD

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?