CONFCOMMERCIO online
Massimo Zanon, presidente di Confcommercio Veneto
Massimo Zanon, presidente di Confcommercio Veneto
martedì 16 settembre 2014

APERTURE FESTIVE DEI NEGOZI:IL DISEGNO DI LEGGE ALLA CAMERA FRA POCHI GIORNI

Ma sono stati presentati ben 150 emendamenti. Massimo Zanon, presidente di Confcommercio Veneto,: "O si cambia o pagheremo caro, pagheremo tutti"

fonte: Confcommercio Veneto

Aperture festive dei negozi, paventato aumento dell’Iva: Confcommercio Veneto non abbassa la guardia. Il disegno di legge che reintroduce 12 festività con i negozi chiusi arriverà alla Camera la settimana prossima con un carico di 150 emendamenti. E con il rischio, per effetto di questi ultimi, di vanificare lo spirito dello stesso provvedimento lasciando ancora una volta mano libera alle aperture indiscriminate. A questo si aggiungono le indiscrezioni su un eventuale aumento delle aliquote agevolate Iva sui beni di prima necessità, che andrebbero a colpire ancora una volta i redditi medio-bassi, e sul turismo, che spingerebbero fuori mercato le nostre imprese.   
“Allungare  gli orari di vendita oggi - spiega il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon - ha un unico risultato certo per le aziende: l’aumento di costi, dovuto soprattutto all’incremento delle ore lavorate, ma non quello delle vendite totali del settore. Lo confermano i dati Istat, dimostrando che le liberalizzazioni volute dal Governo Monti hanno fallito nel tentativo di rilanciare i consumi. Con una aggravante: non potendo usare liberamente la leva del prezzo perché il consumatore non è disposto a spendere di più, i margini di profitto delle aziende si sono ridotti all’osso. Risultato: dall’entrata in vigore delle liberalizzazioni Monti a oggi hanno chiuso  oltre 170mila aziende commerciali al dettaglio (13mila nel solo Veneto), solo in parte compensate da new entry. Il saldo – ricorda Zanon - è stato di circa -16.000 aziende in Italia e di -1.500 in Veneto”.

Come dire che giocare una partita a scacchi in un mercato che tira è ben diverso dal giocarla in una situazione di consumi calanti. “A peggiorare la situazione – aggiunge il presidente di Confcommercio Veneto – c’è la notizia, e mi auguro sia solo un’indiscrezione priva di fondamento, di un eventuale aumento delle aliquote Iva, un’eventualità da scongiurare a tutti i costi e con ogni mezzo possibile: sarebbe una scelta scellerata, un peso umanamente impossibile da sostenere sia per le famiglie, i cui redditi sono arretrati ai valori del 1986, sia per le imprese. Allora ditemi dove sta la novità, se l’originalità di questo governo si traduce nel solito giochino logoro e prevedibile di dare (a pochi) con una mano e togliere (a molti) con l’altra!?”.

“Siamo pericolosamente vicini all’orlo del precipizio”, avverte Confcommercio Veneto. Che porta a conferma, se ce ne fosse bisogno, i dati di una situazione drammatica per il commercio sulla quale pesa anche una stagione estiva senza precedenti: 120 milioni di euro di ricavi persi nel commercio in Veneto a causa del maltempo.“La convinzione è che alla fine pagheremo caro, pagheremo tutti il prezzo di scelte scellerate e miopi. A meno che non ci si ravveda in tempo”.


Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?