CONFCOMMERCIO online
martedì 02 dicembre 2014

NO ALLA VENDITA LIBERA E SENZA LIMITI PER GLI AGRICOLTORI

Confcommercio: "Discriminazione inaccettabile tra settori produttivi". L'emendamento è ora all'esame della Commissione Agricoltura al Senato

fonte: Confcommercio Nazionale
La Commissione Agricoltura del Senato esamina in settimana un emendamento che consentirebbe agli imprenditori agricoli e ittici di vendere direttamente i loro prodotti sulle aree di loro proprietà su tutto il territorio nazionale e senza limiti quantitativi con una semplice comunicazione al sindaco.
"Sorprende – si legge in una nota della Confcommercio nazionale - che in un provvedimento di legge che dovrebbe riguardare argomenti essenziali per lo sviluppo del settore agricolo, si discuta della possibilità per gli agricoltori di fare il mestiere dei commercianti, peraltro al di fuori delle regole del commercio e della tutela dei consumatori. Avallare per legge ulteriori estensioni della vendita diretta al di fuori della propria azienda, su qualsiasi "area privata", non comporterebbe infatti alcuna valorizzazione dei prodotti agricoli, ma solo una ingiustificata disparità di trattamento e un grave pregiudizio tra categorie imprenditoriali". Questo il commento di Confcommercio sull'emendamento al collegato agricoltura in discussione presso la Commissione Agricoltura del Senato. "Qualora questa proposta fosse approvata – continua la nota – si scardinerebbe il sistema distributivo che si basa su regole certe e che devono valere indistintamente per tutti. Già oggi gli agricoltori godono di una serie di importanti vantaggi competitivi nell'esercizio, di fatto, di una vera e propria attività di intermediazione commerciale, potendo vendere anche prodotti non di propria produzione, senza alcun controllo e adeguata garanzia dei consumatori. Lo scenario che si profilerebbe sarebbe caratterizzato dall'ulteriore grave criticità dovuta alla possibilità per gli imprenditori agricoli di vendere su qualsiasi "area privata", senza alcun tipo di programmazione e controllo, e a prescindere da ogni collegamento territoriale tra luogo di produzione e di vendita". "Qualsiasi imprenditore che voglia intraprendere un'attività commerciale – conclude Confcommercio – ha il diritto di farlo a patto che rispetti e accetti le regole del commercio senza scorciatoie o condizioni di miglior favore. Confcommercio userà tutti gli strumenti possibili e metterà in campo tutte le energie per impedire che una parte del sistema produttivo danneggi un'altra".

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?