CONFCOMMERCIO online
Il presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli al convegno sul Jobs act
Il presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli al convegno sul Jobs act
mercoledì 03 dicembre 2014

LAVORO, IMPRESA, MERCATO: ECCO LE PROPOSTE DI CONFCOMMERCIO

Nell'ambito del convegno "Mercato del lavoro e Jobs Act" è stato presentato un documento di analisi e proposte elaborate dalla Confederazione nazionale

fonte: Confcommercio Nazionale

Tra il 2007 e il 2013 il Pil italiano è sceso dell'8,3%, una riduzione senza precedenti nella nostra storia economica che ha fortemente ampliato il divario con i principali partner internazionali. Nel contempo, l'economia italiana si è sempre più terziarizzata: attualmente nei servizi di mercato opera il 42,4% del totale degli occupati, mentre il valore aggiunto prodotto rappresenta il 40,7% del totale. I servizi di mercato sono dunque, nei fatti, il motore della crescita e sembrerebbe logico tenerne conto nei provvedimenti legislativi di riforma del mercato del lavoro valorizzando le leve in grado di mobilitare al massimo le energie competitive presenti nel sistema economico.

E' da queste premesse che parte il documento di analisi e proposte "Il lavoro, l'impresa e il mercato", realizzato da Confcommercio e presentato nell'ambito del convegno "Mercato del lavoro e Jobs Act", svoltosi a Roma presso la sede  confederale. Il testo individua, in estrema sintesi, cinque ambiti di intervento per i quali vengono formulate le relative proposte (vedi documento in questo link): costo del lavoro, flessibilità e organizzazione del lavoro, semplificazione, politiche attive/passive e servizi per il lavoro, salario orario minimo. Per quanto riguarda il primo aspetto, il costo del lavoro, Confcommercio sottolinea che serve "un approccio strutturale, mirato a ridurre nel tempo la forbice tra costo del lavoro e retribuzioni".

In questa direzione "è apprezzabile l'obiettivo di intervenire sull'Irap, anche se le modalità individuate lasciano fuori una significativa quota di lavoro e non prevedono meccanismi di bilanciamento per quelle imprese che vedono comunque crescere l'occupazione, anche se utilizzano contratti a tempo determinato, comprese quelle che svolgono attività a carattere stagionale". Passando alla flessibilità e organizzazione del lavoro, si sottolinea che i nuovi istituti come il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti "non possono di per sé sostituire quelle tipologie contrattuali flessibili che hanno consentito nell'ultimo decennio di restituire qualità concorrenziale e vitalità occupazionale a comparti strategici per il nostro Paese".

Confcommercio teme che la normativa contenuta nel Jobs act riduca le tipologie contrattuali, fatto che "sarebbe oltremodo controproducente" perché "maggiori opzioni per le assunzioni aumentano le opportunità di impiego". Mentre sull'articolo 18 si richiama l'attenzione sul rischio che l'indennizzo economico per il licenziamento illegittimo "assuma dimensioni tali da risultare ancora una volta sproporzionato rispetto al panorama internazionale". Detto della semplificazione, nell'ambito della quale si punta soprattutto a "semplificare le procedure e gli adempimenti sulla gestione del rapporti di lavoro e sugli adempimenti burocratici di tipo amministrativo", il documento suggerisce che nel coordinamento tra politiche attive e passive "è centrale il ridisegno di ogni intermediazione inefficace rispetto ai risultati prodotti e di ammortizzatori non solo ‘assistenziali'. In particolare, accanto alla cassa integrazione deve trovare collocazione "lo strumento più universale per la tutela della disoccupazione, con durate congrue, senza scivolare dentro il rischio di assistenza prolungata, disincentivante per una piena ricollocazione". Sul salario orario minimo, infine, si sottolinea che per i settori rappresentati da Confcommercio la centralità del Contratto collettivo nazionale "è fattore di apprezzamento da parte delle imprese che continuano a riconoscersi in questo strumento che ha saputo coniugare nel tempo esigenze organizzative e tutele". 

Sangalli: "nel Jobs act cose importanti, ma aspettiamo i decreti"

"Giovani e lavoro sono temi troppo poco collegati, ma sono temi con cui ci  giochiamo il futuro del Paese, senza occupazione non c'è reddito, non ci sono consumi, non c'è
la possibilità di costruirsi un futuro". Lo ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, aprendo il convegno su "Mercato del lavoro e jobs act". "Un Paese che non riesce a dare lavoro alle nuove generazione è un Paese che ha poche speranze - ha aggiunto Sangalli - e poi senza buone regole rischiamo di rimanere al palo, senza agganciare gli spiragli di ripresa quando si ripresenteranno".  La discussione sul lavoro, per il presidente di Confcommercio, "non si chiude ma si apre con l'approvazione del Jobs Act . Per rilanciare il mercato del lavoro noi da sempre proponiamo meno costo del lavoro, più flessibilità, più semplificazione. Il Jobs Act interviene con decisione sugli ultimi due punti, ma non tocca il primo". In particolare, per Sangalli, nel Jobs act "ci sono contenuti importanti che possono oggettivamente migliorare il mercato del lavoro, come la semplificazione della burocrazia e la facilitazione per nuove assunzioni, ma occorre capire cosa conterranno i decreti legislativi. Sarebbe infatti deleterio, per esempio, se i decreti legislativi comportassero ulteriori limiti ai contratti flessibili o nuovi costi a carico delle imprese. Mettiamola così: è un tema che inizia con buone premesse, ma per valutarlo compiutamente bisogna leggere tutto lo svolgimento". Il presidente confederale ha infine dato il suo "ok alla proposta del viceministro Morando di innalzare la franchigia Irap per le pmi" e sottolineato che "recuperare produttività è la grande sfida del Paese, il Jobs act va nella giusta direzione per un equilibrio più moderno e vincente, non possiamo perdere questa occasione".

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?