CONFCOMMERCIO online
giovedì 19 marzo 2015

SCF CONCEDE UNA PROROGA: LA SCADENZA DI PAGAMENTO E' ORA IL 15 APRILE

Esercizi commerciali e artigianali hanno più tempo per pagare i diritti connessi. Per bar, ristoranti, pizzerie e altre attività rimane fissata la data del 31 maggio

Scf, vale a dire il Consorzio Fonografici,  ha prorogato la data ultima per il pagamento dei diritti connessi all’utilizzo di musica registrata nell’anno 2015. La scadenza è ora fissata al 15 aprile e vale esclusivamente per gli esercizi commerciali e artigianali, cioè per qualunque tipo di negozio, catene, supermercati, panetterie, pasticcerie, rosticcerie, gelaterie. Non vale, invece, per i bar e altri esercizi (ristoranti, pizzerie), che devono pagare la tariffa entro il 31 maggio (ne parliamo a fine articolo).

Riassiumiamo, di seguito, le modalità di versamento. Va detto che le ditte che gli anni passati hanno pagato il diritto connesso SCF verranno contattate direttamente dal Consorzio secondo queste diverse modalità:
 

  • Chi ha pagato attraverso licenza, riceverà direttamente da SCF la fattura con gli importi definiti e scontati.
  • Chi ha pagato con bollettino postale, riceverà una busta contenente una licenza in bianco e un bollettino neutro. Quest’ultimo è precompilato esclusivamente nei dati anagrafici e saranno gli associati a dover inserire l’importo dovuto, in base alla tabella riportata sul bollettino stesso (la quale però non tiene conto degli sconti riservati agli associati CONFCOMMERCIO). Pertanto, queste attività sono invitate a contattare l’Ufficio Commercio Interno della CONFCOMMRCIO di Vicenza (tel. 0444/964300) per conoscere l’importo scontato da indicare sul bollettino in loro possesso, o ritirare il bollettino “colorato”  con le tariffe agevolate e gli sconti riservati ai soci.

 
A proposito di “Licenza”, va detto che questa può essere utilizzata dai nuovi clienti, così come da coloro che in passato hanno pagato tramite bollettino postale. Il vantaggio di questa modalità è che  permette all’associato di ricevere direttamente, per i prossimi anni, la fattura da Scf con le tariffe agevolate e gli sconti associativi, evitando tutte le problematiche legate al mancato recapito dei bollettini o a dimenticanze (e conseguenti invii di solleciti verso la metà dell’anno, con tariffe piene e privi di sconto associativo).
 
La licenza, inoltre, sarà l’unica forma di regolarizzazione utilizzabile per quelle attività che gestiscono più sedi locali. Il bollettino, quindi, sarà utilizzabile esclusivamente dalle società titolari di un unico punto vendita.

Un’ultima raccomandazione è quella di non utilizzare i bollettini postali e i moduli di adesione inviati nel 2014, in quanto non più validi.

Passiamo ora ai pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie, ecc.), strutture ricettive, parrucchieri ed estetisti. Come si diceva in questi casi il termine per il versamento dei diritti dovuti ad SCF per diffusione di musica è fissato al 31 maggio. Tutta la gestione relativa a queste categorie è stata demandata a Siae che  provvederà ad inviare direttamente dalla sua sede nazionale - presumibilmente verso inizio maggio - i bollettini Mav agli associati, con la richiesta di pagamento SCF. E’ importante fare attenzione ai dati riportati da Siae, prima di effettuare il pagamento, così da evitare discrepanze con i dati reali. Qualora, poi, nulla dovesse arrivare da Siae alle attività entro la metà di maggio, è opportuno che queste ultime si rivolgano direttamente alle sedi territoriali Siae di competenza. 

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?