CONFCOMMERCIO online
Una lezioine di cucina all'Università del Gusto di Vicenza
Una lezioine di cucina all'Università del Gusto di Vicenza
lunedì 27 luglio 2015

PER I PROFESSIONISTI DEL GUSTO IL LAVORO NON MANCA

Dati alla mano, ristoranti, bar, pizzerie e gelaterie del Vicentino assumono personale, ma spesso non trovano giovani qualificati. Creati speciali percorsi formativi

Diventare cuoco? C’è chi pensa sia una moda spinta dai reality e che conquista sempre più anche i giovani vicentini, come conferma il boom di iscrizioni agli istituti alberghieri registrate negli ultimi anni. In verità cercare uno sbocco lavorativo nelle professioni legate al food è anche una scelta intelligente, perché bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie del Vicentino di assunzioni ne stanno facendo, e tra le figure più richieste ci sono proprio quelle che operano in cucina. A confermare  questo trend sono i dati che la Confcommercio di Vicenza ha raccolto tra un campione di 100 pubblici esercizi associati, di grandi e piccole dimensioni,  che hanno incrementato il personale dall’inizio del 2015.
 Le assunzioni sono state in totale 211, di cui 67 in funzioni di cucina (dal cuoco al commis di cucina), 73 in sala (dal commis di sala al cameriere), 17 come pizzaiolo o aiuto, e 54 come barista o aiuto. Un trend certamente interessante, se pensiamo che le imprese del settore, in provincia, sono oltre 4.600 e a fronte di chi può avere ridotto o mantenuto il personale, una buona percentuale ha certamente proceduto anche ad effettuare assunzioni. Senza contare la nascita di nuove imprese, che garantiscono occupazione sia in forma autonoma (ad esempio il titolare che gestisce il suo bar, anche con soci o familiari), sia dipendente. Al 31 maggio del 2015, secondo gli ultimi dati della Camera di Commercio di Vicenza, sono state aperte in provincia 107 nuove attività, 30 di ristorazione con somministrazione, 13 di ristorazione da asporto, otto gelaterie e pasticcerie, due di ristorazione ambulante e 54 bar.
“Il food è certamente un settore che offre buone opportunità di lavoro e che ha meno sofferto la crisi dei consumi – è il commento di Ernesto Boschiero, direttore della Confcommercio di Vicenza, che associa oltre 2.500 pubblici esercizi in provincia –. Credo che i numeri delle assunzioni potrebbero addirittura essere più alti, ma paradossalmente spesso gli imprenditori non riescono a trovare personale, soprattutto giovane, veramente qualificato e desistono dall’incrementare i livelli occupazionali. Gli istituti alberghieri fanno un buon lavoro di base, ma le imprese chiedono più competenze pratiche”. Così Confcommercio Vicenza ha raccolto le esigenze della categoria e ha subito attivato la propria struttura formativa food: l’Università del Gusto. “Abbiamo creato dei percorsi intensivi e full immersion destinati ai giovani che vogliono entrare nel settore, o a chi in generale vuole imparare un mestiere, per iniziare a lavorare subito e con competenza sia come commis di cucina, che come cameriere, barista, pizzaiolo e gelatiere – spiega Boschiero – Non a caso abbiamo chiamato questi percorsi “Professioni del Gusto”, perché  in una o due settimane a “tutta pratica”, seguiti da ottimi professionisti del settore,  si riesce già ad operare con un buon grado di autonomia. Poi, ovviamente, serve l’esperienza, che si fa col tempo; ma se un imprenditore deve procedere ad una scelta, è indubbio che quando assume, a parità di costo del personale, preferisca chi è fin da subito produttivo”. L’invito, dunque, soprattutto per i neodiplomati degli istituti alberghieri, è quello di consultare il sito della Confcommercio www.universitadelgustovicenza.it  , dove una sezione speciale è dedicata proprio a questi percorsi.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?