CONFCOMMERCIO online
mercoledì 03 febbraio 2016

DIRITTI CONNESSI DOVUTI AD SCF PER DIFFUSIONE DI MUSICA D'AMBIENTE

Consorzio Fonografici: per gli esercizi commerciali il 31 marzo è il termine ultimo di pagamento. Per bar ed altre attività versamento entro il 31 maggio

Il 31 marzo 2016 è il termine ultimo per pagare SCF, vale a dire il Consorzio Fonografici, per l’utilizzo di musica registrata d’ambiente diffusa nei propri  locali, anche solo attraverso una radio e/o una TV . Tale scadenza, però, vale esclusivamente per gli esercizi commerciali e artigianali, cioè per qualunque tipo di negozio, catene, supermercati, panetterie, pasticcerie, rosticcerie, gelaterie. Non vale, invece, per i bar e altri esercizi, che devono pagare la tariffa entro il 31 maggio (ne parliamo a fine articolo).

La misura del compenso viene definita annualmente da SCF, che riserva uno sconto del 30% ai soci Confcommercio.

Ma quali sono, esattamente, le modalità di versamento? Va detto che le ditte che gli anni passati hanno pagato il diritto connesso SCF verranno contattate direttamente dal Consorzio secondo queste diverse modalità:
 

  • Chi ha pagato attraverso licenza, riceverà direttamente da SCF la fattura con gli importi definiti e scontati.
  • Chi ha pagato con bollettino postale riceverà un bollettino neutro, precompilato esclusivamente nei dati anagrafici e dovrà rivolgersi alla Confcommercio (sede provinciale o Mandamenti) per conoscere le tariffe scontate e poi riportarle nello stesso. In alternativa potrà ritirare presso gli uffici dell'associazione un bollettino di colore BLU ove sono già riportate le tariffe agevolate, gli sconti riservati ai soci e l’indicazione di essere iscritto a Confcommercio. 

A proposito di “Licenza”, va detto che questa può essere utilizzata dai nuovi clienti, così come da coloro che in passato hanno pagato tramite bollettino postale. Il vantaggio di questa modalità è che  permette all’associato di ricevere direttamente, per i prossimi anni, la fattura da Scf con le tariffe agevolate e gli sconti associativi, evitando tutte le problematiche legate al mancato recapito dei bollettini o a dimenticanze (e conseguenti invii di solleciti verso la metà dell’anno, con tariffe piene e privi di sconto associativo).
 
La licenza, inoltre, sarà l’unica forma di regolarizzazione utilizzabile per quelle attività che gestiscono più sedi locali. Il bollettino, quindi, sarà utilizzabile esclusivamente dalle società titolari di un unico punto vendita.


Coloro che pagano per la prima volta nel 2016 il compenso SCF devono operare come segue:

  • esercenti con 1 solo punto vendita → pagamento tramite bollettino postale da richiedere alla Confcommercio;
  • esercenti con piu’ punti vendita → compilazione dell’apposito modulo di adesione da richiedere alla Confcommercio.

 
Passiamo ora ai pubblici esercizi (bar), strutture ricettive, parrucchieri ed estetisti. Come si diceva in questi casi il termine per il versamento dei diritti dovuti ad SCF per diffusione di musica è fissato al 31 maggio. Tutta la gestione relativa a queste categorie è stata demandata a Siae che  provvederà ad inviare direttamente dalla sua sede nazionale  i bollettini Mav agli associati, con la richiesta di pagamento SCF.

La Confcommerio di Vicenza - Ufficio Legale Commercio Interno - è a disposizione per maggiori chiarimenti.



Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?