CONFCOMMERCIO online
martedì 25 ottobre 2016

ACCESSIBILITA': E' UN'ITALIA "SPEZZATA" E "A SINGHIOZZO"

Nel Nord-Ovest le merci trasportate calano del 20% contro il 33% del Sud e circa tre quarti del traffico ferroviario nazionale avviene tra le regioni a nord.

fonte: Confcommercio nazionale

E' un'Italia divisa in due in termini di accessibilità, con le regioni del Centro a fare da cuscinetto: se in Abruzzo e in Umbria i volumi di merce movimentati tra il 2010 e il 2014 via strada sono diminuiti in misura nettamente superiore alla media nazionale, in Friuli Venezia Giulia la contrazione si ferma a un quinto della media. E nulla cambia se si guarda alle ferrovie, visto che poco meno di tre quarti del traffico interno nazionale avviene tra le regioni a nord dell'Emilia Romagna. Lo si scopre leggendo il focus di Confcommercio e Isfort su trasporti e logistica in Italia presentato nelle seconda giornata del Forum internazionale di Conftrasporto a Cernobbio. Se si guarda invece alla rete di trasporto, ne emerge una cartina dell'Italia ‘a singhiozzo', con strade nate vecchie, o mai nate, o incomplete. Basti pensare ai 31 anni che sono stati necessari per completare i  40 chilometri della Variante di Valico Barberino-Sasso Marconi oppure ai  45 anni circa per i nove chilometri  della Tirreno-Brennero (ma ne mancano ancora 76…). Per il completamento di questi interventi servirebbero circa 16 miliardi di euro, da aggiungere ai quasi 2 destinati al potenziamento del trasporto merci ferroviario. Per quanto riguarda invece i porti, la situazione è più rosea,  con i buoni esempi di Genova e Ravenna in termini di diversificazione del traffico ed equilibrio tra offerta e domanda, e di La Spezia e Trieste per l'intermodalità mare-ferrovia. Quanto al  ‘sentiment' delle aziende dell'autotrasporto, gli operatori interpellati da  Conftrasporto  risultano di 10 punti percentuali più pessimisti della media sulle prospettive dell'economia italiana (41,8% contro il 31,5%), mentre in termini di ricavi e occupazione c'è un peggioramento piuttosto marcato rispetto alla media nazionale di tutti i comparti (-4,5% ricavi e -3,6% occupazione). 

Infrastrutture inadeguate e logistica inefficiente, sempre più lontani dall'Europa

In tema di trasporti e logistica l'Italia cresce poco e rischia la marginalizzazione. E' quanto emerge dal Rapporto dell'Ufficio Studi di Confcommercio, realizzato in collaborazione con Isfort, presentato a Cernobbio in occasione del secondo Forum Internazionale di Conftrasporto-Confcommercio. A penalizzare il nostro Paese è soprattutto la mancanza di investimenti in opere infrastrutturali negli ultimi anni, che ci fa perdere 34 miliardi di euro l'anno (pari a 2 punti percentuali in termini di Pil) e che ci allontana dagli agli altri Paesi dell'Unione e dagli scambi internazionali. I numeri parlano chiaro: tra il 2010 e il 2014 i volumi di merci trasportati sono scesi del 10% nel settore marittimo e del 37% in quello su gomma, la contrazione più rilevante tra i Paesi fondatori dell'Ue. Nello stesso tempo,  le nazioni dell'Est crescono a due cifre, con la  Bulgaria a +18% circa sia nel settore marittimo che in quello dell'autotrasporto. Quanto alle merci in entrata, dal 2003 al 2015 le imprese italiane di trasporto su gomma hanno perso oltre il 60% dei traffici, contro un incremento del 700% di quelle dell'Est Europa. Dal 2009 al 2015, infine, le imprese italiane attive nel settore del trasporto terrestre e via condotte sono diminuite del 13%. 

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?