CONFCOMMERCIO online
lunedì 05 giugno 2017

SICUREZZA IN CITTA': DALLA POLITICA CI ASPETTIAMO RISPOSTE CONCRETE

Sergio Rebecca, presidente di Confcommercio Vicenza, interviene dopo i fatti di Campo Marzo: "Servono norme più severe"

Per Confcommercio Vicenza il decoro e la sicurezza della città è sempre stata una priorità inderogabile, al centro di appelli, sollecitazioni, prese di posizione, incontri con i vertici istituzionali e delle Forze dell'Ordine susseguitisi negli anni. Ultimi in ordine di tempo quelli con Prefetto e Questore del fine febbraio scorsi, durante il quale il presidente di Confcommercio Vicenza Sergio Rebecca ha battuto ancora una volta il tasto: “La sicurezza prima di tutto”.

Gli ultimi fatti accaduti a Campo Marzo a Vicenza, con scene truculente da “far west” nella lite tra due immigrati, in pieno giorno con tanto di immagini rimbalzate sui media, è l'ennesima dimostrazione, però, che nonostante il problema criminalità sia, per i vicentini, in cima alla lista delle priorità, la situazione rimane da troppo tempo ancora critica: “Quanto accaduto è inqualificabile e aumenta ancora più la soglia di allarme tra i cittadini in primis e poi tra gli stessi imprenditori del commercio e del turismo del centro storico, visto che tutto questo è accaduto praticamente nel cuore della città – afferma il presidente di Confcommercio Vicenza Sergio Rebecca -. Siamo tutti convinti che le Forze dell'Ordine - tra l'altro tempestivamente intervenute nel caso specifico come in altri casi - stiano facendo il massimo, ma a questo punto il “massimo” non basta più, perché siamo di fronte a persone che sanno di poter fare qualsiasi cosa senza rischiare nulla”. A rendere ancor più incredibile quanto accaduto nei giorni scorsi è stato proprio il fatto che i due protagonisti siano tornati subito in libertà e che in sostanza nulla impedisce loro di continuare a girare tranquillamente per la città.

Il paradosso è proprio questo: Confcommercio Vicenza in passato ha più volte rilanciato la necessità di un costante presidio della zona e ora torna sul tavolo l'ipotesi di recintare Campo Marzo, ma per risolvere questa emergenza, secondo il presidente Rebecca, serve anche altro. “Il problema reale – afferma - è che la condizione di richiedenti asilo, unita a norme penali che da garantiste si sono trasformate in lassiste, fa di questi finti profughi degli impunibili. Questa gente – che nulla ha a che fare con chi realmente scappa da situazioni catastrofiche - sa i confini entro i quali può delinquere senza finire in carcere, sa che è difficilissimo essere preso e rispedito a casa propria e si fa forza di tutto questo per vivere fuori dalle leggi, trascinando la nostra ed altre città nel degrado, seminando paura e insicurezza a tutti i livelli. Non si può più restare a guardare – aggiunge Sergio Rebecca -, non possiamo più accettare la protervia di questi delinquenti che vivono di espedienti, di criminalità, di violenza, di sopraffazione e che agiscono fuori dalle regole civili. Urge trovare rimedi che vadano alla radice del problema”.

Nell’immediato, secondo il presidente di Confcommercio Vicenza, “è palese la necessità di avere a disposizione più uomini delle Forze dell'Ordine a controllare le strade, le piazze, i luoghi potenzialmente pericolosi. I cittadini sono stanchi di interventi spot, ci dicano quando arriveranno rinforzi: ci servono certezze sui tempi e sulle modalità”.

Poi, per il presidente Rebecca, serve una forte presa di coscienza della politica: “Quello della sicurezza non è un problema solo di Vicenza, interessa tante altre piccole e medie città: è un problema nazionale da risolvere con norme più severe, che non vanifichino l’egregio lavoro delle Forze dell’Ordine e diano alla Magistratura strumenti per rendere inoffensivi questi criminali. Abbiamo un problema di carceri piene? Allora, se serve, allarghiamole o utilizziamo tutte quelle forme di controllo di una delinquenza devastante”.

E’ sulle leggi, dunque, per il presidente di Confcommercio Vicenza, che si deve agire: “Per tante norme utili a creare consenso ai partiti si è notato in passato un certo “fervorino”, su altre, come quelle per garantire maggiore sicurezza e salvare dal degrado le nostre città, non si è visto altrettanto. E allora, visto che oramai la campagna elettorale si avvicina – conclude Sergio Rebecca -, i partiti ci dicano come intendono risolvere il problema sicurezza, con proposte concrete, dichiarando un timing preciso di ciò che intendono fare. Non sono più ammesse risposte evasive: su questo tema i partiti si giocano la credibilità; e i cittadini, c’è di che esserne certi, ne terranno conto quando si tratterà di depositare la scheda elettorale nell’urna”.

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?