CONFCOMMERCIO online
martedì 08 agosto 2017

BANCOMAT: "VOGLIONO MULTARE CHI DICE NO? PRIMA ABBASSINO LE COMMISSIONI"

Massimo Zanon, Confcommercio Veneto: "Anacronistica la resistenza all'uso delle carte ma i costi per cittadini e imprese sono ancora troppo alti"

Pagamenti bancomat e sanzioni per chi non li accetta: Confcommercio Veneto chiede che vengano ridotti i costi per cittadini e imprese.

“Credo che ormai ogni resistenza a forme di pagamento elettroniche, anche per quanto riguarda le attività più periferiche, sia anacronistica - spiega il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon - Anche questo fa parte di un processo di evoluzione che non si può fermare. In sé non è un male; lo è invece il fatto che questa trasformazione vada di pari passo con una libertà d’impresa sempre più ingessata e vessata. Il pagamento con le carte dev’essere favorito, ma nessuna impresa dovrebbe essere obbligata a dei costi di commissione salati come quelli imposti attualmente dalle banche. Alcune attività, come le tabaccherie e gli impianti di carburante – prosegue Zanon - dovrebbero a nostro avviso essere esentati da qualsiasi commissione: fanno già da banca per lo Stato e sono gravati dalle accise, con margini di guadagno che sfiorano il ridicolo”.

“Allo stesso tempo – conclude il presidente di Confcommercio Veneto – vanno tutelate le persone anziane, che hanno più dimestichezza con il contante che con il bancomat: devono poter continuare a usare il tipo di pagamento a cui sono più abituati”.



Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?