CONFCOMMERCIO online
martedì 20 marzo 2018

L'ISTAT CONFERMA: A FEBBRAIO INFLAZIONE IN FRENATA

Secondo le stime definitive, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività è rimasto fermo su base mensile e aumentato dello 0,5% su base annua (da +0,9% di gennaio)

fonte: Confcommercio nazionale

Resta ferma l'inflazione a febbraio. Secondo le stime definitive dell'Istat, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra una variazione nulla su base mensile e aumenta dello 0,5% su base annua (da +0,9% di gennaio). La stima preliminare era +0,6%.  La frenata dell'inflazione - spiega l'Istat - si deve prevalentemente all'inversione di tendenza dei prezzi degli alimentari non lavorati (-3,2% da +0,4% di gennaio), cui si aggiunge il rallentamento della crescita dei prezzi sia degli alimentari lavorati (+1,3% da +2,1%) sia dei Beni energetici regolamentati (+5,3% da +6,4%).

 

Confcommercio su inflazione: "Pericolosa debolezza dei consumi"

La revisione porta a zero la dinamica congiunturale dei prezzi a febbraio, un dato troppo basso che tradisce una pericolosa debolezza dei consumi. La disaggregazione territoriale della variazione dei prezzi - continua la nota - indica, rispetto a 12 mesi fa, un'inflazione moderata al Nord, ma quasi nulla al Sud, a testimonianza che la fase di ripresa è ancora particolarmente fragile in alcune regioni del Paese. In questo quadro le prolungate incertezze sul possibile incremento dell'Iva per 12,5 miliardi di euro a partire dal prossimo mese di gennaio non aiuteranno la fiducia di famiglie e imprese. E' il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat.


Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?