CONFCOMMERCIO online
giovedì 25 luglio 2019

CONFCOMMERCIO E ANCI INSIEME PER IMPRESE E CITTÀ

La rigenerazione urbana come leva del rilancio socio-economico delle città. Se ne è parlato a Roma in un convegno

fonte: Confcommercio Nazionale

La rigenerazione urbana come leva del rilancio socio-economico delle città è la base su cui è costruita la collaborazione tra Confcommercio e Anci che insieme intendono mettere a frutto sinergie per coinvolgere gli attori locali, amministratori e imprese, nelle trasformazioni urbane per migliorare il benessere dei cittadini e rafforzare il tessuto imprenditoriale.

Se ne è parlato in un convegno e in una tavola rotonda a Roma nella sede confederale che ha visto la partecipazione del viceministro dell'Economia e delle Finanze, Massimo Garavaglia. Dopo il saluto introduttivo del presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli è intervenuto in collegamento da Bruxelles, il Vice Presidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo. "Il protocollo – ha detto Castaldo - è un esempio di partenariato pubblico e privato. Siamo in una fase due del progetto. Il tema è centrale non solo a livello locale ma anche a livello europeo". "L'Europa – ha osservato Castaldo -  ha un elevatissimo grado di urbanizzazione, il miglioramento della qualità della vita delle città è un obiettivo ma è un processo che richiede interventi coordinati. Con un attenzione speciale alla sostenibilità ambientale". Secondo Castaldo, "è necessario aggiornare il quadro urbanistico nazionale. Si tratta di rafforzare la formazione e l'informazione".

Enzo Bianco, vicepresidente del Comitato delle Regioni e presidente del Consiglio nazionale Anci, ha sottolineato "la necessità di mettere ordine nei piani regolatori perché le città sono cresciute in modo disordinato e c'è bisogno di una regolamentazione". "Oggi c'è voglia di tornare nei centri storici e quindi bisogna riportare la qualità della vita nelle nostre città. Ci vuole collaborazione tra le amministrazioni comunali e il mondo produttivo". Poi Bianco ha parlato della Carta d'Agrigento: "E' una proposta per una nuova agenda europea per la cultura e, oltre che dai Comuni e dalle Regioni, può essere sottoscritta anche da associazioni e operatori di settore". "E colgo l'occasione – ha concluso Bianco – per invitare Confcommercio ad aderire alla Carta".

Dopo la presentazione dedicata al tema della rigenerazione urbana di Roberta Capuis, Responsabile Settore Urbanistica e Rigenerazione Urbana di Confcommercio, nella seconda parte della giornata si è tenuta la tavola rotonda "La collaborazione tra Amministrazioni comunali e attività economiche nei processi di rigenerazione urbana" con la partecipazione di Roberto Pella, Vice Presidente vicario Anci e Sindaco di Valdengo(BI), Cristiano Casa, Assessore alle Attività Produttive, Agricoltura, Commercio, Turismo, Sicurezza Urbana, Centro Storico, Relazioni Internazionali, Progetto UNESCO del Comune di Parma, Claudio Franchini, Direttore Ascom Parma Confcommercio-Imprese per l'Italia, Maurizio Mangialardi, Sindaco Senigallia e Coordinatore della Conferenza dei Presidenti Anci Regionali, Massimiliano Polacco, Direttore Confcommercio-Imprese per l'Italia Marche Centrali, Andrea Gnassi, Sindaco di Rimini e Delegato Anci al Turismo, Alberto Marchiori, Incaricato per le Politiche Ue di Confcommercio-Imprese per l'Italia, Antonella Galdi, Vice Segretario Generale Anci.

Garavaglia: "Dobbiamo dare continuità al progetto della rigenerazione urbana"

I lavori del convegno sono stati chiusi dal viceministro dell'Economia e delle Finanze, Massimo Garavaglia. "Stiamo pensando ad una norma specifica sulla rigenerazione urbana. Dobbiamo rivedere le regole perchè devono essere aggiornate". "I piani regolatori - ha detto il viceministro - nascono pensando all'espansione. Oggi si va verso il consumo di suolo zero e bisogna entrare nell'ottica del ricambio". Parlando del Protocollo tra Confcommercio e Anci, Garavaglia ha detto che "va data stabilità al progetto: deve esserci continuità nell'azione e noi abbiamo finanziato i comuni soprattutto i più piccoli e abbiamo cominciato a semplificare il codice degli appalti". Infine una battuta sulla questione fiscale: "La tassazione sugli immobili, porta ad un enorme deprezzamento e porta a distorsioni pazzesche. La Tasi è un doppione pessimo dell'Imu, dobbiamo mettere mano alla fiscalità locale". 

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?