CONFCOMMERCIO online
venerdì 27 febbraio 2009

ALIMENTARI, I CONTROLLI SANITARI
ORA SI PAGANO

fonte: UFFICIO STAMPA CONFCOMMERCIO

Un’altra doccia fredda per gli operatori del settore alimentare ed in particolare per i grossisti. Da quest’anno, infatti, un decreto legislativo entrato in vigore l’11 dicembre 2008 introduce una nuova “tassa” che va a finanziare i controlli sanitari ufficiali (previsti dal Regolamento CE 882/2004). Nonostante le riserve avanzate dalla Confcommercio e la richiesta di modifiche provenienti dalla Regione Veneto (avallate anche dalla Conferenza Stato-Regioni) il Governo ha tirato dritto per la propria strada e il D.Lgs 194/2008 è ora già operativo.

Di cosa si tratta, in estrema sintesi? La norma stabilisce le modalità di finanziamento dei controlli sanitari ufficiali, eseguiti dalle autorità competenti per la verifica della conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti. La nuova tariffa è a carico dei grossisti e di imprese di produzione operanti in alcuni settori alimentari (compresi centri di cottura e catering) e non interessa invece, per il momento, esercizi di ristorazione, commercio al dettaglio, mense ed altre attività del settore alimentare che vendono e somministrano al consumatore finale. Occorrerà tuttavia prestare attenzione anche in caso di attività operanti nella vendita di prodotti ad altri operatori commerciali anche in modo non prevalente, tenuto conto che, ad oggi, alcune ULSS ritengono assoggettabili alle tariffe anche gli imprenditori che, pur non essendo “grosssisti” in senso stretto, superano, nelle vendite ad altri operatori professionali, il 30% del fatturato complessivo (vedasi panifici che vendono a rivendite terze, pasticcerie, ecc.). In realtà l’ambito applicativo delle tariffe appare ancora mal delineato data anche una sostanziale discrepanza tra il Decreto Legislativo (nazionale) ed una norma regionale del Veneto (il DDR 140/2008) che ha diversamente classificato le attività ai fini dell’assoggettamento all’obbligo della “registrazione” igienico-sanitaria.

Il decreto ha, come si diceva, “spiazzato” anche la stessa Regione Veneto, che il 4 febbraio scorso ha emanato una nota evidenziando con rammarico come a livello governativo non si siano stati colti gli inviti a modificare un provvedimento che, così formulato, avrebbe (come ha) messo in difficoltà, oltre che gli operatori, anche le stesse ULSS venete. Si consideri in proposito che, ad oggi, nonostante la scadenza per il versamento sia decorsa il 31 gennaio scorso, le stesse ULSS non hanno ancora messo a punto precise procedure di riscossione. Tra l’altro gli importi da pagare (che a regime dovranno essere versati entro il 31 gennaio di ogni anno e che sono classificati sulla base di 3 fasce) non sono nemmeno modici: si va dai 400 euro per le imprese che si collocano in fascia A (vi rientrano, ad esempio, depositi alimentari con un volume annuo massimo di 500 tonnellate) ai 1.500 euro per chi si colloca in fascia C.

Per qualsiasi ulteriore informazione ci si può rivolgere all’Ufficio Commercio Interno dell’Ascom di Vicenza (tel. 0444 964300).

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?