CONFCOMMERCIO online
giovedì 07 novembre 2013

LE STELLE MICHELIN BRILLANO NEI RISTORANTI VICENTINI

Conferme e novità nell'edizione 2014 della "Rossa". Exploit del Veneto: con 5 nuovi locali stellati la nostra regione è al quinto posto in Italia

Tante conferme e una novità per la ristorazione vicentina dall’ultima guida Michelin presentata nei giorni scorsi. Per dire che la qualità espressa dagli chef berici ha raggiunto livelli d’eccellenza e va di pari passo con l’exploit che il Veneto ha ottenuto nell’edizione 2014 della "Rossa".
Ma andiamo con ordine e torniamo a Vicenza. Il locale più stellato della provincia rimane La Peca di Lonigo, con i fratelli Pierluigi e Nicola Portinari, che vede confermate le sue due stelle, una valutazione che in Veneto possono vantare solo Giancarlo Perbellini a Isola Rizza (con l’omonimo ristorante), Elia Rizzo a Verona  (con Il Desco), il Caffé Quadri di Venezia (della famiglia Alajmo) e i fratelli Cera dell’omonima osteria di Campagna Lupia.
La stella Michelin continua a brillare anche nei ristoranti Casin del Gamba di Altissimo, guidato dallo chef Antonio Dal Lago; El Coq di Marano Vicentino con lo chef Lorenzo Cogo e la Locanda di Piero di Montechio Precalcino, con lo chef Renato Rizzardi. Una soddisfazione, in più, in Confcommercio Vicenza, viene tra l’altro dal fatto che tutti e tre questi chef hanno tenuto delle lezioni di cucina all’Università del Gusto di Vicenza.
Infine la novità: la stella Michelin attribuita allo Spinechile Resort di Corrado Fasolato a Schio, locale che esordisce così nella nuova edizione della "Rossa".
A tutti gli chef stellati vicentini, vanno ovviamente i complimenti della Confcommercio provinciale.
Dicevamo, però, che i buoni risultati vicentini si inseriscono in un contesto regionale di grande rilievo. E, infatti, la Guida Michelin ha quest’anno inserito ben 5 nuovi locali del Veneto, che si piazza dunque al quinto posto tra le regioni italiane rivelandosi uno dei territori eletti della grande cucina. Citazione d’onore, in questo contesto, va a Le Calandre di Rubano (PD) dei fratelli Massimiliano e Raffaele Alajmo che con le sue tre stelle Michelin guida la bella “pattuglia” di locali veneti ed è nel gotha Michelin dei “tristellati” con soli altri sette locali in tutta Italia. Complimenti dunque anche allo chef Alajmo, che tra l’altro, va ricordato, è l’ispiratore del Master della Cucina Italiana, il corso di alta formazione che si tiene al Centro Formazione Esac di Creazzo e che inizierà, nell’edizione 2014, il prossimo 3 febbraio (info www.mastercucinaitaliana.it).

Massimiliano Alajmo

Pierluigi e Nicola Portinari (foto Lapeca.it)

Lorenzo Cogo

Antonio Dal Lago

Renato Rizzardi


Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?