CONFCOMMERCIO online
mercoledì 09 settembre 2015

ICC: LUGLIO "RECORD" PER I CONSUMI

L'indicatore dei Consumi Confcommercio registra a luglio 2015 una crescita dello 0,4% rispetto a giugno ed un incremento del 2,1% su base annua

fonte: Confcommercio Nazionale

L'indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) registra a luglio 2015 una crescita dello 0,4% rispetto a giugno ed un incremento del 2,1% su base annua, la variazione più elevata degli ultimi cinque anni. I dati degli ultimi mesi confermano il miglioramento della domanda per consumi, sostenuta in larga parte da un nuovo ciclo di acquisti di beni durevoli. 

La crescita dell'ICC si inserisce in un contesto in cui quasi tutti gli indicatori cominciano ad assumere un'intonazione positiva, consolidando la tendenza alla ripresa dell'economia che, seppure non ha assunto dimensioni particolarmente sostenute, appare oggi meno fragile rispetto a qualche mese fa. 

Tale percezione si è riflessa sul clima di fiducia delle famiglie, stabile su valori storicamente elevati. Più prudente appare l'atteggiamento delle imprese, che segnalano ad agosto una contenuta riduzione del sentiment complessivo, dinamica che ha attenuato la tendenza al recupero rilevata nel bimestre precedente. Il dato dell'ultimo mese è sintesi di andamenti non univoci delle aspettative degli operatori dei diversi settori: se da un lato migliora il clima di fiducia nelle costruzioni e nel commercio al dettaglio, dall'altro nel manifatturiero e nei servizi di mercato si nota un modesto arretramento. La prudenza degli operatori del manifatturiero è da ricondursi alle sensibili oscillazioni che ancora si rilevano, pur in un contesto complessivamente positivo, sul versante produttivo.

Le dinamiche congiunturali

Rispetto a giugno l'ICC registra una modesta, ma non trascurabile, crescita (+0,4%) che deriva da un aumento dello 0,6% della domanda dei beni e da un lieve ridimensionamento della componente relativa ai servizi (-0,1). Aumenti significativi si sono registrati per i beni e servizi per la casa (+1,7%), al cui interno un ruolo non secondario è stato svolto dai consumi di energia elettrica, e per i beni e i servizi per la mobilità (+0,9%), al cui interno prosegue, sia pure a ritmi meno sostenuti rispetto ai primi mesi dell'anno, il recupero della domanda di auto da parte dei privati a cui si è associato, a luglio, anche un miglioramento della spesa relativa alle moto. Di modesta entità è risultata sia la crescita della spesa per i beni e i servizi per le comunicazioni (+0,3%), sia per l'abbigliamento e le calzature (+0,2%), segmento che non sembra aver beneficiato in maniera significativa del tradizionale periodo delle vendite in saldo. In lieve rialzo anche la spesa per gli alimentari, le bevande e i tabacchi (+0,1%) dopo il rallentamento rilevato a maggio e a giugno. In riduzione è risultata la domanda per beni e servizi ricreativi (-0,3) per gli alberghi, i pasti e i consumi fuori casa (-0,2) e  per i beni e i servizi per la cura della persona (-0,1%).
 
Le dinamiche tendenziali

La dinamica tendenziale dell'ICC di luglio registra una crescita del 2,1%, la più elevata degli ultimi cinque anni. Questa variazione sintetizza l'andamento positivo sia della domanda relativa ai beni (+2,3%), sia di quella per i servizi (+1,6%). A luglio gli aumenti più significativi, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, si sono riscontrati per i beni e servizi per la mobilità (+8,8%) e per i beni e i servizi per le comunicazioni (+5,1%), con risultati che rafforzano il dato positivo già registrato a giugno. Più contenuto è stato l'incremento, su base annua, per i beni e i servizi per la casa (+2,1%), in controtendenza con l'andamento stagnante dei mesi precedenti. In moderato miglioramento è risultata anche la spesa per gli alberghi, i pasti e i consumi fuori casa (+2,0%) e per l'abbigliamento e le calzature (+0,8%). Un dato positivo, ma di lieve entità, ha riguardato la domanda per i beni e i servizi per la cura della persona (+0,3%) e per i beni e i servizi ricreativi (+0,1%). L'unico segmento che evidenzia ancora una diminuzione su base annua è quello relativo alla spesa per gli alimentari, le bevande e i tabacchi (-0,2%).

Le tendenze a breve termine dei prezzi al consumo 

Sulla base delle dinamiche registrate dalle diverse variabili che concorrono alla formazione dei prezzi al consumo, per il mese di settembre 2015 si stima, rispetto ad agosto, una diminuzione dei prezzi dello 0,3%. Nel confronto con settembre 2014 la variazione del NIC dovrebbe attestarsi al +0,3%.

Sangalli: "Ora il governo tagli le tasse con coraggio"

 "I segni meno sono archiviati, c' e' un risveglio dei consumi e un recupero della fiducia: la ripresa c' e', il governo abbia il coraggio di tagliare le tasse". Lo ha detto dice il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, commentando i dati positivi di luglio che hanno visto una ripresa dei consumi del 2,1% rispetto allo scorso anno. "Dopo molti anni di crisi - ha aggiunto Sangalli - tornare a crescere e' difficile, per questo il governo deve trasformare questa ripresa in una crescita robusta e duratura tagliando le tasse su imprese e famiglie a partire dalla cancellazione delle clausole di salvaguardia". Secondo Sangalli, inoltre, l'annuncio del premier, Matteo Renzi, sul tagli dell' Ires nel 2018 "riguarda un tempo troppo lungo: non c' e' tempo da perdere - ha concluso - bisogna avere il coraggio di aggredire la spesa improduttiva e tagliare l' Ires gia' nel 2016". Confcommercio inoltre chiede l' abolizione totale dell' Imu degli immobili delle imprese. Secondo il presidente, "quello per le tasse sulla casa sarà l' unico funerale a cui gli italiani parteciperanno con gioia". "Noi chiediamo anche la totale deduzione dell' Imu sugli immobili delle imprese, inclusi gli alberghi e negozi".

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?