CONFCOMMERCIO online
giovedì 24 gennaio 2013

APPELLO FEDERMOBILI A GOVERNO E PARLAMENTO

Pressante richiesta di inserire gli arredi nella detrazione Irpef del 50% per garantire crescita nei consumi e salvaguardia occupazionale

fonte: Federmobili nazionale
L’anno che si è appena concluso è stato, per gli associati Federmobili-Federazione Nazionale dei negozi di Arredamento, al limite della sostenibilità. Il bilancio di cinque anni di crisi per la macro filiera Legno-Arredo, parlano chiaro: meno 14miliardi di fatturato alla produzione, meno 52.000 posti di lavoro, meno 40% consumo nazionale. l’estensione della detrazione Irpef del 50% agli arredi destinati alle abitazioni oggetto di interventi di ristrutturazione. Se attuata, questa misura, può garantire una ripresa dei consumi in uno dei settori vitali del Made in Italy salvando decine di migliaia di posti di lavoro e senza alcun incremento dei costi per lo Stato.

Gli imprenditori commerciali del settore arredo, con fatturati che nel 2012 si sono contratti anche del 30%, si trovano con un carico fiscale che rischia seriamente di essere motivo principale delle cessazioni delle attività.

Il "Colpo di grazia" potrebbe arrivare ad Aprile 2013 con la prima rata della Tares, il nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi che quest’anno sostituirà Tarsu e Tia. Secondo i calcoli dell’Ufficio studi Confcommercio, con il 2013 le tariffe sui rifiuti pagate dalle aziende aumenteranno in media del 290%, con incrementi superiori al 400% per alcune tipologie di attività.

"Le imposte e le tariffe che gravano sulle nostre imprese – afferma Mauro Tambelli, Presidente Nazionale Federmobili – stanno portando al collasso gli imprenditori del nostro settore. L’introduzione della TARES, dell’IMU e degli altri balzelli che non dipendono dal fatturato e dalla redditività dell’azienda sono INSOSTENIBILI. Siamo consci che per il Fisco l’aumento di un 3,8% delle entrate nei primi undici mesi del 2012 siano un ottimo risultato, ma non si può non sottolineare che l’aumento del gettito è dovuto soprattutto all’introduzione dell’IMU e che al risultato positivo fa’ da contraltare un calo del gettito IVA, nello stesso periodo, dell’1,8%. Questo nonostante l’aliquota sia stata aumentata di un punto percentuale lo scorso anno con una ripercussione sui consumi "DEVASTANTE" (soprattutto per i beni semi durevoli come l’arredamento).

"I comuni, nel calcolo della TARES, – continua il Presidente Tambelli – devono necessariamente considerare che le ampie superfici dei locali dove si svolgono le attività lavorative, come nel nostro caso, non sono direttamente correlabili ad una maggiore produzione di rifiuti. Un’impresa commerciale che vende mobili è già soggetta ai costi della differenziazione degli imballaggi ed a quelli del conferimento dei rifiuti diversi, con il risultato che nel "cestino" finiscono, esclusivamente, i rifiuti che si producono con l’attività giornaliera svolta nei soli spazi destinati ad ufficio e, quindi, solo su queste metrature andrebbe calcolata la tassa.

"Chiedo – conclude Tambelli – un intervento della politica che salvaguardi il nostro settore da una ‘Catastrofe Annunciata’. Lo scorso dicembre abbiamo rilanciato con forza al Governo (insieme a FederlegnoArredo, Confartigianato Legno Arredo, CNA Produzione, Ance e i sindacati FENEAL UIL, FILCA CISL, FILLEA CGIL) una proposta che garantirebbe un incremento dei consumi nazionali di arredamento pari a oltre 1 miliardo di euro nel primo semestre 2013, con evidenti benefici a "cascata" su numerosi altri settori:

"Infine esorto tutti gli imprenditori del nostro settore a partecipare, e far sentire il loro coro di protesta lunedì 28 Gennaio 2013 nella "Giornata di Mobilitazione Nazionale" organizzata da Rete Imprese per l’Italia – Confcommercio."

Condividi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico
BANDO
BANDO
NEWS IMPRESENEWS IMPRESE
Vedi tutte >
CERCHI UN RISTORANTE?

Bar - Pizzerie - Locali da ballo

CERCHI UN HOTEL?