• Home 
  • Attualità 

NASCE IL GOVERNO DRAGHI, “UNA SQUADRA CHE PUÒ IMPRIMERE UNA SVOLTA ALLA CRISI”

Sangalli: "Buon lavoro, grazie al presidente Mattarella". Soddisfazione del mondo del turismo per la creazione di un Ministero dedicato. Rebecca (Confcommercio Vicenza): "L'auspicio è che si lavori in armonio"

lunedì 15 febbraio 2021
Il primo Consiglio dei Monistrei del Governo Draghi Il primo Consiglio dei Monistrei del Governo Draghi
Fonte: Confcommercio Nazionale

“Buon lavoro al nuovo Governo Draghi chiamato a fronteggiare tempestivamente emergenza sanitaria, emergenza economica ed emergenza sociale e a mettere a frutto l’opportunità del Recovery Plan. È arrivato davvero il tempo di un deciso cambio di passo. Le varianti del Covid-19 preoccupano e centinaia di migliaia di imprese - soprattutto del terziario - sono in attesa dei ristori necessari alla loro sopravvivenza”: così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, sul nuovo Esecutivo.
“La squadra di Governo – continua Sangalli - ha le potenzialità per imprimere una svolta alla crisi che si sta aggravando. Bene, come anche da noi da tempo auspicato, il ritorno del Ministero del Turismo: una scelta giusta e necessaria sia per l’impatto drammatico della pandemia sul settore, sia perché la ripartenza del turismo italiano è condizione strategica per la ripartenza di tutto il nostro Paese”.  “Un grazie al presidente Mattarella che con coraggio ha permesso di mettere in campo una squadra all'altezza della situazione in uno dei momenti più drammatici della nostra storia”, conclude Sangalli.

Sergio Rebecca: "I Governi si giudicano da fatti e programmi".

"I Governi si giudicano dai programmi e dai fatti che li seguono ed è su questo che dovremo basarci nelle prossime settimane", così Sergio Rebecca, presidente di Confcommercio Vicenza, sul nuovo Governo Draghi "Non possiamo che constatare tre elementi che caratterizzano la composizione di questo Governo- continua il presdeinte-: che l’economia e il controllo dei conti è tenuto sotto controllo dalla Banca d’Italia; che la politica continua ad essere in prima linea con  un equilibrata spartizione in base ai pesi di ciascuna forza; che la parte tecnica e la progettualità conta su professionalità di grande valore. Bene l’istituzione del ministero del Turismo: lo chiedevamo da tempo e risolverà certamente molte delle problematiche che  affliggono il settore. Fa piacere, poi, il ritorno al Governo della ministra Erika Stefani, che ha dimostrato di saper coniugare un alto profilo di competenza e attenzione al territorio. L’auspicio è che il Governo lavori in armonia, anche in considerazione di una squadra certamente molto eterogenea e per questo non resta che augurare al professor Draghi e alla sua squadra buon lavoro".

Confturismo (Patanè): "Per il turismo si apre una nuova stagione"

Il presidente di Confturismo, esprime la propria soddisfazione per la creazione all'interno dell'esecutivo Draghi di un ministero dedicato al settore del Turismo scorporato da quello della Cultura. "Un ministro del Turismo con competenze perfettamente ritagliate nel quadro previsto dalla Costituzione e con portafoglio. Ci voleva il professore Mario Draghi per risolvere con determinazione e lucidità una questione sulla quale ci si arrovellava da decine di anni, senza trovare mai la soluzione. Se il buongiorno si vede dal mattino, si apre una grande stagione per il turismo, stremato dalla crisi in corso, almeno sotto il profilo istituzionale. Ringraziamo il presidente del Consiglio per la grande sensibilità ai temi del nostro settore, che ha dimostrato con questo gesto importantissimo. Diamo il benvenuto al ministro Garavaglia che siamo pronti a incontrare, non appena si sarà' insediato, per supportarlo da subito nell'impegno che lo attende".

Federalberghi e Fiavet: "Finalmente un Ministero dedicato solo al turismo"
"Non mi sembra vero ed è davvero una notizia da festeggiare". Questo il primo significativo commento alla notizia dell'istituzione di un ministero del turismo da parte del presidente di Federalberghi Bernabò Bocca. "Finalmente, dopo un'attesa di anni, un ministero del turismo dedicato! E poi soprattutto un ministero con portafoglio, non un ministero che taglia i nastri alle inaugurazioni. Un ministero corposo, di contenuti. Eravamo stufi di essere ospitati di qua e di là. L'Italia merita un ministero dedicato" Anche le agenzie di viaggio "esultano". "Siamo certi che agenzie di viaggio e operatori turistici - ha detto la presidente della Fiavet Ivana Jelinic- avvieranno presto un fattivo dialogo e una collaborazione in vista di una rinascita completa del settore basilare per il nostro Paese, che occupa 13% del PIL, e impegna il 15% della forza lavoro. Non era più possibile non dedicare un ministero a un comparto che, come attestano i dati di Confcommercio, contribuisce per 44 miliardi alla bilancia commerciale italiana e registra un valore della produzione di 190 miliardi". "In qualità di presidente di Fiavet Confcommercio, do la mia piena disponibilità, da subito, per un dialogo fattivo e concreto".

NEWS IMPRESE