• Home 
  • Bandi 

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO AL SETTORE DEL WEDDING, INTRATTENIMENTO ED HO.RE.CA

Misura rivolta alle imprese che nel 2020 hanno subito una riduzione non inferiore al 30% del fatturato

mercoledì 02 marzo 2022
CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO AL SETTORE DEL WEDDING, INTRATTENIMENTO ED HO.RE.CA CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO AL SETTORE DEL WEDDING, INTRATTENIMENTO ED HO.RE.CA

Il 19 febbraio scorso è stato pubblicato il Decreto del 30 dicembre 2021 del Ministero dello Sviluppo economico, con il quale si definiscono i criteri e le modalità per l’erogazione del contributo a fondo perduto (previsto dal Decreto Sostegni bis ed allora richiesto da Confcommercio unitamente alle Federazioni Fipe e Federalberghi) destinato alle imprese operanti nei settori del wedding, dell’intrattenimento, dell’organizzazione di feste e cerimonie, nonché operanti nel settore dell’ Hotellerie-Restaurant-Catering (HO.RE.CA.).

 

Risorse disponibili

Le risorse stanziate sono ripartite tra i settori ammissibili in base alle seguenti assegnazioni:

a) una quota pari a 40 milioni di euro è destinata al settore del wedding;
b) una quota pari a 10 milioni di euro è destinata al settore dell’intrattenimento e dell’organizzazione di feste e cerimonie;
c) una quota pari a 10 milioni di euro è destinata alle imprese operanti nel settore dell’HO.RE.CA.

Requisiti di ammissibilità al contributo a fondo perduto

Ai fini del riconoscimento dell’aiuto, le imprese operanti nei settori ammissibili, oltre a risultare regolarmente costituite, attive ed iscritte nel registro delle imprese, devono possedere i seguenti requisiti:

- svolgere, quale attività prevalente, come da comunicazione inviata con modello AA7/AA9 all’Agenzia delle entrate, una delle attività identificate dai codici ATECO riportati nelle successive tabelle A, B e C, riferite a ciascun settore ammissibile. Per il solo settore del wedding, le imprese in possesso dei codici ATECO indicati nella Tabella A, devono aver generato almeno il 30 per cento dei ricavi del periodo d’imposta 2019 da prodotti o servizi inerenti a matrimoni, feste e cerimonie;
- avere sede legale o operativa ubicata sul territorio nazionale;
- non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie;
- non essere già in difficoltà al 31 dicembre 2019. Tale condizione non si applica alle micro e piccole imprese, sempre che sia rispettata la condizione di cui al punto precedente e che le imprese interessate non abbiano ricevuto aiuti per il salvataggio o aiuti per la ristrutturazione.

Sotto il profilo dei requisiti finanziari, le imprese operanti nei settori ammessi all’aiuto devono trovarsi in entrambe le seguenti condizioni:

a) nell’anno 2020 devono avere subito una riduzione del fatturato non inferiore al 30 per cento rispetto al fatturato del 2019. Ai fini della quantificazione del fatturato, rilevano i ricavi di cui all’art. 85, comma 1, lettere a) e b), del TUIR, relativi ai periodi d’imposta 2019 e 2020. Per le imprese costituite nel corso dell’anno 2019, la riduzione del fatturato 2020, nella medesima misura del 30 per cento, deve essere rapportata al periodo di attività del 2019 decorrente dalla data di costituzione e iscrizione nel registro delle imprese. Tale requisito verrà ulteriormente specificato con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate che avvierà i termini per la richiesta del contributo;

b) devono avere registrato un peggioramento del risultato economico d'esercizio relativo all'anno d'imposta in corso al 31 dicembre 2020 pari ad almeno il 30 per cento rispetto al risultato economico d'esercizio relativo al periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2019.

 

Ammontare del contributo a fondo perduto

Le risorse assegnate a ciascun settore ammissibile, sono ripartite tra le imprese beneficiarie secondo le seguenti modalità:

a) il 70 per cento dell’assegnazione destinata a ciascun settore è ripartito in egual misura tra tutte le imprese beneficiarie;

b) il 20 per cento di ciascuna assegnazione è ripartito, in via aggiuntiva rispetto a quanto indicato alla precedente lettera a), tra le imprese beneficiarie che presentano un ammontare dei ricavi, relativi al periodo d’imposta 2019, superiore a € 100.000;

c) il 10 per cento di ciascuna assegnazione è ripartito, in via aggiuntiva rispetto alle assegnazioni di cui alle precedenti lettere a) e b), tra le imprese beneficiarie che presentano un ammontare dei ricavi, relativi al periodo d’imposta 2019, superiore a € 300.000.

 

Istanza di accesso al contributo

Ai fini del riconoscimento del contributo, le imprese devono presentare, esclusivamente in via telematica, un’istanza all’Agenzia delle Entrate, anche tramite intermediario delegato al servizio del cassetto fiscale dell’Agenzia delle entrate. Ciascuna impresa può presentare una sola istanza di accesso al contributo.

Le modalità di effettuazione dell’istanza, il suo contenuto informativo ed i termini di presentazione verranno definiti con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, da adottare entro sessanta giorni a far data dal 19 febbraio 2022.

L’importo del contributo verrà erogato dall’Agenzia delle Entrate mediante accreditamento diretto sul conto corrente bancario o postale indicato dall’impresa richiedente nell’istanza di accesso all’aiuto.

Le imprese beneficiarie del contributo sono tenute all’adempimento degli obblighi di trasparenza previsti dall’articolo 1 comma 125 e seguenti della legge 4 agosto 2017, n. 124.

L’operatività del regime di aiuto illustrato è subordinata all’ottenimento dell’autorizzazione della Commissione europea, ad oggi non ancora adottata.

 

Di seguito la tabella dei codici attività che possono presentare domanda di contributo.

 

TABELLA A - Codici ATECO imprese beneficiarie del settore “wedding"

Descrizione

10.71.20

Produzione di pasticceria fresca

10.82.00

Produzione di cacao, cioccolato, caramelle e confetterie

14.13.20

Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno

18.14.00

Legatoria e servizi connessi

32.99.90

Fabbricazione di altri articoli nca

47.24.20

Commercio al dettaglio di torte, dolciumi, confetteria

47.71.10

Commercio al dettaglio di confezioni per adulti

47.76.10

Commercio al dettaglio di fiori e piante

47.78.35

Commercio al dettaglio di bomboniere

49.32.20

Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente

55.10.00

Alberghi

56.10.11

Ristorazione con somministrazione

56.10.12

Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole

56.21.00

Catering per eventi, banqueting

74.20.11

Fotoreporter

74.20.19

Altre attività di riprese fotografiche

74.20.20

Laboratori fotografici per lo sviluppo e la stampa

93.29.90

Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca

96.02.01

Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere

96.02.02

Servizi degli istituti di bellezza

96.09.03

Agenzie matrimoniali e di incontro

96.09.05

Organizzazione di feste e cerimonie

 

TABELLA B - Codici ATECO imprese beneficiarie del settore “intrattenimento, organizzazione di feste e cerimonie” 

Descrizione

77.39.94

Noleggio strutture e attrezzature per manifestazioni e spettacoli

79.90.11

Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d'intrattenimento

90.01.01

Attività nel campo della recitazione

90.01.09

Altre rappresentazioni artistiche

90.02.01

Noleggio con operatore di strutture e attrezzature

90.02.01

Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli

90.02.02

Attività nel campo della regia

90.02.09

Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche

90.04.00

Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche

93.21.00

Parchi di divertimento e parchi tematici

93.29.10

Discoteche, sale da ballo, night club e simili

93.29.90

Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca

96.09.05

Organizzazione feste e cerimonie

 

TABELLA C - Codici ATECO imprese beneficiarie del settore “hotellerie-restaurant-catering (HO.RE.CA.)”

Descrizione

55.10

Hotellerie

56.10

Restaurant

56.21

Catering

56.30

Bar caffè

NEWS IMPRESE