• Home 
  • Bandi 

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER IMPIANTI DI RISALITA A FUNE

L’agevolazione per le imprese inserite in comprensori sciistici può contare su un fondo di 700 milioni di euro. Rimane da definire la data per poter presentare l’istanza

.

martedì 12 ottobre 2021
CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER IMPIANTI DI RISALITA A FUNE CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER IMPIANTI DI RISALITA A FUNE

Per le imprese ubicate nei comprensori sciistici arrivano i contributi a compensazione dei danni subiti a causa del mancato avvio della stagione 2020/2021. Si tratta di 700 milioni di euro stanziati nel marzo scorso, che ora sono messi a disposizione delle aziende del settore, su specifica istanza, anche se non è ancora nota la data di apertura del portale informatico che consentirà la presentazione della domanda.
Di questi, una quota pari a 430 milioni di euro è finalizzata all’erogazione di contributi a fondo perduto in favore degli esercenti attività di impianti a risalita a fune, I beneficiari  sono pertanto le imprese esercenti in via primaria o prevalente l’attività indicata al codice ATECO 49.39.01 (gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o suburbano), in possesso dei seguenti requisiti:

  • svolgere l’attività nel territorio di uno o più comuni, ricompresi all’interno di almeno un comprensorio sciisticio (da definirsi a cura delle regioni e provincie autonome di Trento e Bolzano);
  • non avere procedure concorsuali pendenti;
  • essere in regola con gli obblighi in materia previdenziale, fiscale ed assicurativa;
  • non presentare condizioni ostative alla contrattazione con le pubbliche amministrazioni;  
  • non essere destinatari di sanzioni interdittive (d.lgs.231/2001 art.9, c.2);
  • non trovarsi già in difficoltà (reg.UE 651/2014) alla data del 31.12.2019 (salvo che si tratti di microimpresa o piccola impresa, purché non soggette a procedura concorsuale per insolvenza e non destinataria di aiuti per il salvataggio e la ristrutturazione).

Termini e modalità
Le imprese beneficiare dovranno trasmettere istanza di accesso al contributo attraverso una procedura automatizzata disponibile allo sportello telematico che sarà predisposto da Ministero del Turismo, nel cui sito verrà pubblicato un apposito link una settimana prima dell’apertura del portale informatico (è prevista la realizzazione di un manuale operativo). Si potrà accedere alla piattaforma mediante SPID o CNS. Si potrà, inoltre, delegare un soggetto terzo.
Ai fini della valutazione del contributo, il beneficiario dovrà procedere all’inserimento (all’istanza di accesso al contributo) dei seguenti dati:

  • importo in euro dei ricavi di sola biglietteria degli anni 2017, 2018, 2019 (come risultante da bilancio di esercizio depositato)
  • margine operativo lordo MOL relativo al periodo compreso tra il 04.12 e il 30.04 in riferimento a ciascuno degli anni dal 2017 al 2021 (i dati MOL devono essere certificati da parte di auditors esterni).

Nell’istanza si dovrà altresì indicare il Comune (all’interno del comprensorio sciistico di appartenenza, come definito con provvedimento regionale), l’importo di altri contributi eventualmente ricevuti e certificazione antimafia.
Ad oggi, non è disponibile alcuna data di apertura del portale informatico e non sono ancora stati individuati i “comprensori sciistici”.

Entità contributo
Il contributo erogato sarà pari al 49% della media dei ricavi di sola biglietteria negli anni 2017/2019.
In caso di insufficienza delle risorse stanziate (430 milioni) l’erogazione (ai beneficiari) avverrà in misura rispetto alle richieste pervenute, mediante riduzione proporzionale, tenendo conto dell’insieme delle richieste di contributo e del totale delle risorse da erogare.

NEWS IMPRESE