• Home 
  • Categorie 
  • Servizi 

MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE: “IL 2021 MEGLIO ANCHE DEL 2019”

Il presidente di categoria Mauro Frasson commenta i dati dell’Osservatorio Fimaa Confcommercio Vicenza relativi al primo semestre: “Una tendenza consolidata. La riforma del catasto non fermi il trend”

giovedì 23 settembre 2021
Mauro Frasson, presidente di Fimaa Vicenza Mauro Frasson, presidente di Fimaa Vicenza

Il mercato immobiliare vicentino continua la sua corsa post lockdown iniziata negli ultimi mesi del 2020 e chiude il primo semestre di quest’anno con numeri molto positivi. È quanto emerge dai dati diffusi dall’Osservatorio Provinciale di Fimaa-Confcommercio Vicenza, l’associazione degli agenti immobiliari e d’affari in mediazione. Tra gennaio e giugno sono state 5.505 le unità immobiliari residenziali compravendute in provincia, come evidenziano le ultime rilevazioni della banca dati OMI dell’Agenzia delle Entrate elaborate dall’Osservatorio. Il raffronto con lo stesso periodo dell’anno scorso, quando furono effettuate 3.657 transazioni va preso ovviamente con cautela, perché stiamo parlando di un periodo contrassegnato da due mesi di lockdown anche in questo settore.

Per inquadrare meglio il trend, di crescita, dunque, l’Osservatorio Fimaa confronta i due primi trimestri di quest’anno, dove l’impennata delle vendite resta comunque evidente: 2.459 sono state le abitazioni vendute tra gennaio e marzo 2021, a fronte di 3.036 unità immobiliari passate di mano tra aprile e giugno: un +24% che fotografa l’ottimo stato di salute del mercato. Guardando agli altri dati elaborati dall’Osservatorio Fimaa si nota che nei primi sei mesi di quest’anno sono stati 844 gli immobili compravenduti in città e 4.661 nel resto della provincia. Inoltre, sul totale degli acquisti effettuati da persone fisiche, il 52% sono stati effettuati accendendo un mutuo ipotecario.

“La richiesta è sostenuta, aiutata anche dall’interesse per immobili da ristrutturare usando i vantaggi del bonus 110% - è il commento di Mauro Frasson, presidente di categoria degli agenti immobiliari vicentini -. Oramai siamo di fronte ad una tendenza consolidata perché è dalla seconda metà dello scorso anno che il settore delle compravendite cresce, tanto che non solo abbiamo recuperato i numeri persi durante il lockdown, ma sono state anche superate le compravendite registrate nel primo semestre del 2019: erano 4.373 due anni fa, sono, appunto 5.505 quest’anno, con un + 25%”. Uno scenario, positivo dunque, su cui però si addensano le nubi della ipotizzata riforma del catasto. “Il riequilibrio catastale ha ovviamente le sue ragioni d’essere, ma la questione richiede grandissima prudenza per evitare che il mercato finisca in stallo a causa delle incertezze sulle decisioni che saranno prese - conclude il presidente di Fimaa-Confcommercio Vicenza -. L’obiettivo da perseguire è l’invarianza del gettito, scongiurando un aumento del carico impositivo sull'immobiliare, così da agevolare l'accesso alla casa e spingere gli investimenti in un settore strategico per le famiglie italiane e per l’intera economia”.

NEWS IMPRESE