• Home 
  • Norme 

NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI: DAL 1° FEBBRAIO SERVE IL “GREEN PASS”

Il decreto del 7 gennaio impone la certificazione verde per accedere alle attività di servizio alle persone, escluse quelle "essenziali e primarie". Per gli over 50 scatta l'obbligo vaccinale

mercoledì 05 gennaio 2022
NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI, ORA SERVE IL “GREEN P NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI, ORA SERVE IL “GREEN P

Il Consiglio dei ministri ha approvato il 5 gennaio scorso un nuovo decreto legge per 'rallentare' la curva di crescita dei contagi. Il decreto è scaricabile dal link a fondo pagina. Il decreto 7 gennaio 2022, n.1 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 7 gennaio ed è entrato in vigore il giorno successivo.

Due delle misure principali introdotte dal nuovo decreto:

1)    l’obbligo vaccinale per gli over 50 

2)    l’estensione dell’obbligo di “green pass” per accedere alle attività di servizio alle persone.

CENTRI COMMERCIALI E NEGOZI. Nel dettaglio, per entrare in centri commerciali e negozi (dal 1° febbraio) e parrucchieri ed estetisti (dal 20 gennaio) occorrerà il certificato verde “base” (quindi ottenibile anche con tampone). Sempre dal 1° febbraio servirà anche per uffici pubblici, servizi bancari, postali e finanziari. Restano esclusi i negozi che vendono alimentari, le farmacie e le attività destinata alle "esigenze essenziali e primarie della persona".

OBBLIGO DEL VACCINO. Quanto all'obbligo del vaccino, varrà fino al 15 giugno per tutti coloro che hanno compiuto 50 anni o che li compiranno entro quella data. Chi è guarito, invece, dovrà vaccinarsi obbligatoriamente dopo sei mesi.

SANZIONI. Per i contravventori è prevista una sanzione di 100 euro. Dal 15 febbraio, inoltre, gli stessi over 50 potranno andare al lavoro solo con il “super green pass” sia nel pubblico che nel privato. Le verifiche spetteranno ai datori di lavoro, chi non ha il certificato verde rafforzato sarà considerato assente ingiustificato fino alla presentazione della certificazione, "con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro e senza conseguenze disciplinari", ma con la sospensione dello stipendio e di qualunque "altro compenso o emolumento comunque denominato". Le imprese potranno però sostituire chi non ha il pass rafforzato. Le sanzioni, in questo caso, vanno da 600 a 1.500 euro.

DAL 10 GENNAIO “SUPER GREEN PASS” ANCHE PER ALBERGHI E RISTORAZIONE ALL’APERTO. Il Consiglio dei ministri aveva già approvato il 29 dicembre dello scorso anno un altro decreto legge che contiene una nuova “raffica” di misure per contrastare il fortissimo incremento di nuove infezioni da Covid-19. In particolare si interviene estendendo l’obbligo di green pass rafforzato (il “super green pass” che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione), sulle quarantene per i vaccinati e sulle capienze negli impianti sportivi. Vediamo il contenuto in sintesi.

GREEN PASS RAFFORZATO. Dal 10 gennaio 2022 e fino alla cessazione dello stato di emergenza viene esteso l’utilizzo del “super green pass” a:

  • alberghi e strutture ricettive;
  • feste nell’ambito di cerimonie civili o religiose;
  • sagre e fiere;
  • centri congressi;
  • servizi di ristorazione all’aperto;
  • impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici;
  • piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto;
  • centri culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto;
  • tutti i mezzi di trasporto, compreso quello pubblico locale o regionale.

 

NEWS IMPRESE